Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Milan, Rino Gattuso e la brutta sorpresa a Empoli: chi c'era in tribuna a guardarlo, pessime notizie per lui

Giulio Bucchi
  • a
  • a
  • a

Il Milan toppa ancora a Empoli e, probabilmente, Gennaro Gattuso ha scelto la sera sbagliata per dimostrare che la sua non è ancora una (grande) squadra: al Castellani, per un turno infrasettimanale contro un'avversaria di scarso prestigios, erano scesi in tribuna tutti i più alti dirigenti rossoneri: Gordon Singer, il figlio del proprietario del Fondo Elliott, il presidente Paolo Scaroni, i dirigenti della parte sportiva Paolo Maldini e Leonardo oltre a membri del CdA come Furlani e Tuil. In tutto, spiega il Quotidiano nazionale, 18 accrediti. Leggi anche: Ha fatto fuori Andrè Silva e ora lui segna a raffica. Gattuso, altra beffa Roba da sfida-scudetto o da Champions, a cui il Milan ha risposto fornendo una prestazione scialba tra scarsa determinazione, errori clamorosi, gaffe difensive e la solita mancanza di cinismo ("cinicità", l'ha chiamata il mister nel dopo-gara) e personalità. Dopo due pareggi con Cagliari e Atalanta e la brutta vittoria in Lussemburgo, serviva uno squillo. È arrivato un inutile 1-1 che allontana il Diavolo dalle prime 4 posizioni, l'obiettivo minimo della stagione. Sotto gli occhi di tutti i Papaveri, Gattuso si è giocato male le sue carte: non solo per colpa sua, la sensazione è che la prossima partita contro il Sassuolo (campo storicamente ostico per gli allenatori milanisti) senza una vittoria potrebbe essere la sua ultima da tecnico rossonero. D'altronde, nessuno giovedì sera tra i dirigenti ha parlato. Brutto segnale.

Dai blog