Cerca

La proposta

Var, una regia centralizzata per provare a eliminare tutte le falle del Var

5 Dicembre 2018

0
Champions League, la Var sbarca nella competizione europea più importante dalla stagione 2019/2020

Approfondire i difetti sull' utilizzo del Var, come abbiamo fatto su queste pagine, è utile considerando che l' Associazione Italiana Arbitri ha colto la palla al balzo per migliorare lo strumento. La proposta infatti eliminerebbe qualche problema: si starebbe pensando di aggiustare il protocollo, promuovendo l' utilizzo del video per i contatti in area di rigore, spesso ignorati come nei casi di Zaniolo e Icardi all' Olimpico, a differenza dei falli di mano che vengono invece puntualmente verificati (quello di Brozovic, ad esempio).

In più, l' Aia avrebbe immaginato una nuova logistica delle cabine video: ovvero affiancare a quelle dislocate nei vari stadi una sede centralizzata come accadeva ai Mondiali in Russia. Così diminuirebbero le difformità di utilizzo e ci sarebbe un ulteriore grado di controllo, non solo del Var sul campo ma anche della sede sugli arbitri davanti al monitor. Inoltre, in questa nuova sala centrale, verrebbero impiegati gli arbitri che hanno da poco terminato la carriera in campo, che quindi sommerebbero la loro esperienza ad una specializzazione nell' utilizzo della tecnologia. Si formerebbe quindi una squadra di ex fischietti esperti che veglierebbe sul buon utilizzo del Var da parte dei colleghi più giovani e acerbi, garantendo la giustizia a tutto il campionato.

di Claudio Savelli

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media