Cerca

L'apertura

Inter e Milan, il sindaco Sala: "San Siro è in vendita". Quanto costa lo stadio: occasione unica

13 Settembre 2019

0
Giuseppe Sala

"Finora sul tavolo ci sono due ipotesi: un nuovo stadio a San Siro e un nuovo stadio a Sesto San Giovanni. Io metterei sul tavolo una terza opzione: siamo disponibili a cedere San Siro, qualora i club considerassero questa ipotesi". Così il sindaco di Milano Giuseppe Sala, ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, ha aperto alla cessione dello storico stadio "Giuseppe Meazza" a Milan e Inter

Il sindaco del Pd, che si è sempre opposto alla costruzione di un nuovo stadio in zona San Siro, ha clamorosamente aperto alla cessione dello stadio, sperando che i club possano ripensarci sul progetto di un nuovo impianto (tenendo presente che gli stessi vogliono guadagnare il più possibile dai proventi delle partite), soprattutto in una zona esterna a quella inerente al comune di Milano: "Il Comune non vuole lucrare su San Siro, siamo disponibilissimi ad una valutazione fatta da un ente terzo, non abbiamo bisogno di specularci sopra. Le squadre decideranno nel loro legittimo interesse".

Sala ha sollecitato i club a prendere una decisione nel minor tempo possibile per evitare ulteriori situazioni di stallo ed ha fissato anche un prezzo per l'acquisizione dell'impianto: "La valutazione mi pare sia intorno ai 70 milioni, però, quello che offro io, è di discutere anche questa ipotesi della vendita".

Adesso la palla passa a Milan e Inter, i quali potrebbero porre la parola fine a questo impasse, ma l'opzione stadio nuovo non è ancora del tutto tramontata. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Venezia, ecco come sarà il Mose una volta completato: immagini sorprendenti

Salvini ironizza su Zingaretti: "Dopo la riproposta dello Ius soli si è preso i 'vaffa' pure dagli alleati"
Che tempo che fa, David Grossmann con Liliana Segre: "So cosa ha passato"
Maltempo, Alto Adige in ginocchio sotto la neve: valanghe come colate di lava, interi villaggi devastati

media