Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ferrari, Charles Leclerc dà il "benvenuto" a Carlos Sainz: "Non so perché abbiano scelto lui"

  • a
  • a
  • a

Un Charles Leclerc a tutto campo, quello che si racconta in un'intervista a Repubblica nel bel mezzo di una stagione difficilissima con una Ferrari disastrosa. Ma il monegasco resta l'uomo del futuro, sia per Maranello sia per la Formula 1. Si parte da Sebastian Vettel: consigli da dargli? "Non mi permetterei mai, ha fatto molto di più in questo sport e merita rispetto". È sereno guardando al futuro? "Sono estremamente motivato. E contento di trarre il massimo in una situazione difficile come questa. Non sarà una risalita veloce per la Ferrari, ma il mio compito è anche provare a spingere tutti per far sì che questo periodo di difficoltà sia il più corto possibile", spiega Leclerc. Appuntamento, però, al 2022: "In termini di performance, sarà difficile fare un miracolo con la macchina per il 2021". 

 

Dunque, le battute su Carlos Sainz, suo compagno di squadra il prossimo anno. Parole che sembrano un poco taglienti: "Non so perché hanno preso lui piuttosto che un altro, ma Carlos è molto forte e costante. L'anno scorso verso fine stagione mi chiedeva se ci fosse un posto libero sulla Rossa, io rispondevo che non lo sapevo, ma lui aveva già la stelline negli occhi", rivela. Dunque, una battuta su Mick Schumacher, prossimo all'esordio in F1 con l'Alfa Romeo nelle libere in Germania: "Il nome Schumacher è potente in Formula 1 e non solo, ma Mick è qui per il suo talento e non per il suo nome. Sarà dura col freddo che fa, per lui e per tutti, sembriamo sciatori", conclude Charles Leclerc.

Dai blog