Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Matteo Salvini, blitz elettorale a Bologna. Citofona al tunisino: "Lei spaccia?", e il Pd lo insulta

Clamoroso blitz elettorale di Matteo Salvini. Al Pilastro, quartiere difficile della periferia Est di Bologna, il leader della Lega seguito da telecamere, giornalisti e forze dell'ordine ha suonato al citofono di alcuni abitanti di un edificio, ipotizzando di trovare degli spacciatori, sulla base di indicazioni di residenti e militanti del partito. Leggi anche: "Allora le sardine hanno capito male". Regionali, Senaldi umilia Travaglio e Santori "Buonasera, lei spaccia?", ha chiesto provocatoriamente a un tunisino. Una frase che ha fatto infuriare la sinistra sui social. "A che titolo l'ho fatto? In qualità di cittadino", ha spiegato Salvini ai giornalisti. Una motivazione che non accontenta gli anti-leghisti. "Salvini sta suonando ai campanelli di Bologna alla ricerca di spacciatori - scrive Matteo Orfini, parlamentare dem -. Salvini. Lo stesso che quando era ministro invece di occuparsi di combattere il traffico di droga andava in giro a fare comizi e scriveva leggi contro le ong. Cialtrone. Solo un cialtrone". Video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Dai blog