Cerca

Il fondamentalismo è morto? Viva il post-islamismo

I princìpi non negoziabili del Corano

Andrea Morigi

Andrea Morigi

A Libero dal 2000, conduttore di Radio Maria, autore del Rapporto sulla libertà religiosa nel mondo.
Il fondamentalismo è morto? Viva il post-islamismo
È nato il post-islamismo. Lo ha partorito ufficialmente, a Parigi, l’islamologo Olivier Roy. Parlando a France Culture ha ipotizzato un parallelismo fra la destra conservatrice americana e i partiti islamici che hanno vinto le elezioni in Egitto e in Tunisia. Questi ultimi si limiterebbero a difendere i princìpi non negoziabili, così come fa la Santa Sede in ambito politico. E, così come a suo avviso ha fatto l’Akp in Turchia, si starebbero in sostanza allineando su una concezione “occidentale” della religione, piuttosto che su un modello simile a quello iraniano o saudita.
Al professor Roy si deve anche la nozione di “fallimento dell’islam politico”, che non è del tutto estranea alla sua analisi degli sviluppi più recenti in Medio Oriente. In effetti, a suo avviso, nel mondo arabo, si è affermato il post-islamismo, che somiglierebbe all’abbandono del marxismo da parte dei partiti socialisti europei negli anni 1970 e 1980. Così l’accettazione delle regole democratiche avrebbe convinto i fondamentalisti a mettere da parte la sharia, inquadrando i diritti delle donne non più soltanto con il ricorso alla legge coranica, ma passando per una piattaforma che comprende i “valori della famiglia”.
Se bastasse cambiare nome ai fenomeni per modificarli, sarebbero già stati risolti tutti i problemi di convivenza civile. Purtroppo per il professor Roy, non è così. In Italia, tanto per proseguire con le analogie, nonostnte lo strappo di Livrono, le svolte berlingueriane e occhettiane e lo scontro con Bettino Craxi, il comunismo e i suoi eredi hanno continuato a influire pesantemente sulla vita politica nazionale. Anzi, si potrebbe dire che proprio i Fratelli Musulmani egiziani sono fra coloro che hanno appreso meglio la lezione gramsciana, perseguendo l'egemonia culturale, fra le professioni e nei corpi intermedi. Nel frattempo, seguendo la dottrina leninista, non hanno mai abbandonato l'ipotesi della lotta armata e alcune loro branche, come Hamas in Palestina, hanno mantenuto intatte le loro strutture terroristiche. Ecco perché è reale il pericolo che la primavera araba si trasformi in una rossa primavera, tinta del sangue di cristiani ed ebrei.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog