Cerca

Mino Raiola vs. Spread

Salviamo il soldatino Balotelli

Fabrizio Biasin

Fabrizio Biasin

Fabrizio Biasin, professione giornalista sportivo che prima era sportivo e ora, di sport, parla e basta. A Libero dal 2004, caposervizio dal 2008. La mamma gli ha fatto studiare "scienze ambientali" a Como, lui si è laureato per inerzia, poi ha cambiato strada appena in tempo. Ha 32 anni, un gatto nero e dice cose a caso. Come Ugo Tognazzi in Amici miei.
Mino Raiola vs. Spread

La rogna Balotelli dice che:

1) Il codice etico vale per molti ma non per tutti.
2) Chi ha avuto l'idea del suddetto codice non ha capito che "Nazionale" e "collegio" non sono sinonimi.
3) Mario è un bamboccione, ma senza di lui possiamo tranquillamente abbandonare ogni speranza di vittoria in terra polacca.
4) In Polonia sarà meglio controllare la stanza del bomberone, ché lì le bonazze abbondano.
5) Mancini farebbe una gran cosa se tornasse sui suoi passi: lasciare Mario a marcire fino a fine campionato non è un bene per il giocatore e neppure per il tecnico (se fossimo nei panni dei padroni arabi penseremmo "Questo qui avrà anche ragione, ma prima lascia fuori Tevez, poi Balotelli, infine non vince una mazza").
6) Chi spera nella maturazione del pupo vuole il suo male: Balotelli "bravo ragazzo" è come Sansone senza capelli.
7) Tutti gli danno del pirla ma fanno a gara per accaparrarselo. Un motivo ci sarà.
8) Mino Raiola è un dannato genio.
9) Mino Raiola sa già cosa fare.
10) Mino Raiola messo al Ministero dell'economia porterebbe lo spread da quota 400 a quota 250 in un attimo. Il tempo di preparare una pizza.
11) Monti, pensaci.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog