Cerca

La retromarcia

Fiat, Marchionne dice addio a "Fabbrica Italia": "No a investimenti folli, i tempi sono cambiati"

L'ad del Lingotto annuncia: "Quel progetto non è in linea con l'andamento attuale dei mercati". Si parlava di 20 miliardi per gli stabilimenti italiani
Fiat, Marchionne dice addio a "Fabbrica Italia": "No a investimenti folli, i tempi sono cambiati"

 

Sergio Marchionne tira il freno a mano: Fabbrica Italia non si fa più. "Le cose sono profondamente cambiate da quando nell’aprile 2010 venne annunciato il piano. E' impossibile fare riferimento ad un progetto nato due anni e mezzo fa ed è necessario che il piano prodotti e i relativi investimenti siano oggetto di costante revisione per adeguarli all’andamento dei mercati". L'annuncio viene direttamente dalla Fiat, che di fatto mette una pietra tombale sugli investimenti ingenti annunciati per tutti gli stabilimenti italiani. Troppo pesante il calo, drammatico, delle vendite che ha portato nel 2012 il mercato dell'auto italiano a livelli del 1979. Si parlava di 20 miliardi di euro, cifre impensabili oggi visto che il Lingotto è sempre più lontano dall'Italia. Forse non con il cuore, sicuramente con la testa e da domani anche con il portafoglio.

Sinistra scatenata - In occasione dell’incontro con le Organizzazioni Sindacali che si è tenuto a Torino ad agosto scorso, prosegue la nota ufficiale del Lingotto, Fiat ha ribadito "la delicatezza di questo periodo, di cui è impossibile prevedere l’evoluzione, impone a tutti la massima cautela nella programmazione degli investimenti. Informazioni sul piano prodotti/stabilimenti saranno comunicate in occasione della presentazione dei risultati del terzo trimestre 2012". Immediate le reazioni: "Purtroppo non siamo stupiti dalle dichiarazioni della Fiat, sebbene avremmo preferito essere smentiti. E’ urgente che il Governo convochi l’azienda", è il commento di Giorgio Airaudo, segretario nazionale della Fiom responsabile per il settore auto, decisamente critico con l'ad Fiat Marchionne. "Se dalla nota emerge che il famoso Piano Fabbrica Italia rischia di non esserci più, siamo di fronte a un problema molto serio", aggiunge il leader della Fiom Maurizio Landini: "Non aver fatto gli investimenti - prosegue - ha determinato che la Fiat venda meno di altri perché non ha nuovi modelli e in più c'è il rischio che in Italia un sistema industriale dell’auto, non solo Fiat e componentistica, salti". Per il leader della Fiom "la discussione nel Governo e nella politica di questo Paese dovrà essere quella di come si fa ad evitare che il sistema industriale imploda, salti e si perdano nuovi posti di lavoro". Per il responsabile Economia e Lavoro del Pd, Stefano Fassina, "il comunicato di Fiat-Chrysler è molto preoccupante e porta a chiedersi se il programma Fabbrica Italia sia mai esistito, oltre le slides utilizzate per arrivare ad accordi sindacali pesanti e alla limitazione della democrazia nelle aziende del gruppo". Il Governo, sollecita Fassina, deve intervenire.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciprino

    16 Settembre 2012 - 20:08

    prenditi un buon disegnatore di auto (possibilmente italiano, visto che ce ne sono tanti), non fare lo sparagnino sui materiali, abbassa i prezzi e, soprattutto, fai chiarezza con te stesso su quello che vuoi fare veramente per la Fiat italiana. Saluti

    Report

    Rispondi

  • cassandra11

    16 Settembre 2012 - 19:07

    La FIAT ??? l'avessero chiusa 40 anni fa! Sarà sempre tardi.

    Report

    Rispondi

  • helpid

    16 Settembre 2012 - 09:09

    e c'è molto di più. Il NON minchionne è riuscito a salvare una Chrysler ma si impantana sulla Fiat? Evidentemente in amerika il Non minkionne non ha trovato giudici 'colonelli d'azienda' (ormai fanno di tutto tranne usare la ragionevolezza quando occorre!!)che gli impongano rientri in fabbrica o come utilizzare i lavoratori, e guai se si tokkano gli iper-sindakalizzati che possono pirateggiare quanto vogliono tanto sono tutelati. Con giudici simili, anche il sogno amerikano sarebbe rimasto tale, ed invece, rimane sogno la fiat d'itaglia! Oggi la kamusso grida allo scandalo, l'itaglia sarebbe stata presa in giro? E quante volte l'ha fatto il sindakato koglionando nei decenni il lavoratore imponendo situazioni oggi impossibili da mantenere? Avanti kamusso, assumi tu i lavoratori fiat, pagali con le ingenti risorse dei sindakati, o rileva la Fiat ed insegna al minkionne come si fa'!! A dire minki.ate, s'intende! su quello il sindakato è imbattibile, come anche far chiudere le aziende!!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    15 Settembre 2012 - 12:12

    Il suo disegno era la Chrysler. Lo realizzerà alla faccia degli italici imbecilli.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog