Cerca

SCHIAFFONI ALLA MERKEL

Sarkò ha smesso di fare sorrisini
Ha vinto Francois Hollande (52%)

Nicolas furioso, ha già annullato la festa Anche in Grecia si cambia: vincono i no euro

Il leader socialista ottien il 52%% dei voti. Trionfo dei partiti anti Ue alle elezioni di Atene: gli elettori hanno massacrato il governo tecnico e l'ammucchiata che lo sosteneva. Un segnale anche per Monti, Pd e Pdl
Questa volta a ridere è Francois

Il candidato socialista all'Eliseo, di solito musone, non trattiene la felicità

Alla fine ride bene chi ride ultimo. I francesi si devono essere vergognati del loro presidente-pagliaccio, Nicolas Sarkozy che si divertiva un mondo a sfottere l'Italia con l'amica Angela Merkel, e gli hanno imposto di fare le valigie dall'Eliseo da cui dovrà presto sgombrare insieme a Carla Bruni, prole e nursery. Francois Hollande è il nuovo presidente della Francia, con una percentuale del 52%. Indispettito dai primi dati un furioso Sarkò ha già annullato la festa per la vittoria che aveva programmato a Place de la Concorde e livido ha annunciato il divorzio dal suo partito, l'Ump. La notizia è arrivata come un gelido schiaffone anche a Berlino, dove pare che la Merkel non l'abbia presa affatto bene. La cancelliera di ferro si è presa anche un sonoro vaffa dagli elettori greci, che hanno premiato quasi tutti i partiti no-euro con un voto che terremota la geografia politica del paese. Tutti i partiti che sostenevano il governo-tecnico amato dai mercati e dall'euroburocrazia, sono letteralmente franati. In testa c'è Nuova democrazia, che però non raggiunge il 20% dei consensi e non è in grado di formare alcun governo. In parlamento entrerà pure l'estrema destra di Alba d'oro. Un segnale che potrebbe interessare anche il tecnico Mario Monti e soprattutto Pd e Pdl che fino a qui l'hanno sostenuto acriticamente, prescindendo dai loro elettori. La rivoluzione nelle urne ha avuto conseguenze immediate sui mercati

Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Liberopensatore1950

    07 Maggio 2012 - 21:09

    Mi auspico che qualcuno abbia avuto il dispiacere di vedere Amato ad otto e mezzo, su La7. Ha spiegato che sarebbe un disastro tornare alla Lira siccome il debito pubblico è in Euro, ecc.. Ma se fu lui, Prodi e Ciampi che imbrogliarono le carte !!! Vedendolo, ni sembrava più di partecipare ad una seduta spiritica che ad una trasmissione televisiva. Davvero non più sopportabile rivedere chi ci disastrò su tutti i fronti; ma come facciamo a liberarci di costoro?!

    Report

    Rispondi

  • marcopensa

    07 Maggio 2012 - 19:07

    L'Europa unita non esiste, esiste un contratto tra nazioni di natura puramente finanziaria e il mercato lo sapeva e lo sa benissimo, per questo motivo ci gioca sopra. L'Europa non è una democrazia, non ha governo, non ha unità nazionale e vincoli se non di natura finanziaria, e in questo contesto vale la legge del più forte. Molti economisti alla nascita dell'unione ammonirono di non fermare l'unione a livello economico pericolo la Germanizzazione della stessa. Avevano ragione? Il problema ora non è chi governa i singoli stati ma fino a che punto la gente reggerà, in Grecia sono già alla fase di rivolta, qui .... aspettate ancora un pochettino.

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    07 Maggio 2012 - 18:06

    Ed ecco Hollande che subito parte lancia in resta a mendicare soldi dalla Merkel per rimanere nell'Euro che, in campagna elettorale, diceva di vedere male, adesso, invece, si vede che si è messo gli occhiali. La Merkel, cinguettante, pur di far rimanere le cose come sono, si appresta a sganciare alla Francia qualche soldo,come elemosina, sottostando al ricatto. Hollande non parla di soldi ma di "crescita" da sviluppare, sì, ma con quali soldi e investimenti se sta per partire con il rastrellamento dei soldi delle imprese private, promesse agli elettori per accontentarli nella sempre verde ideologia della lotta al capitalismo? L'altro grande danno che si prepara a fare ai francesi è dare il voto all'immigrazione alle amministrative francesi. Così d'ora in poi la Francia potrà godere di moschee a gogò con relativi rappresentanti politici islamici di parte. Prima usciamo dall'Euro e da questa Unione Europea disastrata e prima ci salviamo, senza farci coinvolgere, da questi pazzi.

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    07 Maggio 2012 - 18:06

    Mi sa che hai torto,non so se Sarkozy è stato punito anche per avere deriso Berlusconi,ma una cosa è certa,con la scomparsa del nano d'oltralpe non scompaiono i miliardi in euro di bond greci inutilizzati comperati dalla Francia. Alla Francia costano in interessi ogni anno quello che costano gli interessi del nostro debito pubblico a noi!Di conseguenza Hollande divenuto il nuovo presidente francese dovrà tenersi buona la culona tedesca per gli stessi motivi del suo predecessore,l'unico che non ha mai avuto vincoli di servilismo con la Germania è stato il nostro amato Silvio!Prosit a tutti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog