Cerca

Chi vince e chi perde

La vera macchina del fango
è quella anti-Berlusconi

Da anni "Repubblica" e "L'Espresso" martellano sul Cavaliere e le ragazze di Arcore: i veri sconfitti sono loro

Il commento di Francesco Borgonovo dopo il crollo della superteste Conceicao: "Ho mentito"
Ruby Rubacuori

«In tribunale dovrò giurare di dire tutta la verità. E il pm Ilda Boccassini non è una che si fa prendere in giro. Non rischierò il carcere per salvare altri». Sante parole di Michelle Conceicao, pronunciate all’Espresso il 13 aprile 2011. E smentite ieri, quando la ragazza brasiliana ha ammesso in aula, proprio davanti alla Boccassini, di aver raccontato il falso sulle serate di Arcore. E se a  Ilda non si può mentire, al settimanale progressista pare che raccontare balle si possa eccome.  Chi esce scornato dall’ultima tornata di testimonianze del processo Ruby, infatti, è proprio la corazzata mediatica di Debenedetti, la coppia d’assalto Repubblica-Espresso che da anni prende a martellate il Cavaliere per le storie di bunga bunga. Citiamo due soli esempi, i più recenti ed emblematici. Il più clamoroso, ovviamente, è quello della Conceicao. L’Espresso l’ha sentita a ripetizione. E lei, ogni volta, ha promesso che ai giudici avrebbe detto «tutta la verità». 

«La super-testimone del caso Ruby rompe il silenzio. Michelle Conceicao Oliveira, brasiliana trapiantata a Milano, è una bella donna che da oltre un anno custodisce segreti di Silvio Berlusconi», scriveva Paolo Biondani nel 2011. E via a raccontare di «misteriosi “documenti d’identità in bianco”, descritti come “moduli per cambiare generalità”» che Ruby avrebbe ottenuto da chissa chi, per poi distruggerli. Paginate a paginate di sputtanamento in libertà. Coronate il 7 giugno scorso dall’intervista scoop in cui Michelle veniva presentata come «la teste che inchioda B.», la «prima testimone oculare dello scandalo Ruby», una «persona molto informata dei fatti (“Anche troppo”)». Il settimanale la descriveva come «una donna sola, relegata in un appartamento di periferia». Una vittima delle circostanze, finita in un giro più grande di lei.  «Sono stanca di vivere in un mondo di Bugie. Mentre ero a Rio tutti ridevano di Berlusconi perché ha detto che mantiene tutte le sue ragazze. Trattavano anche me da mantenuta. Che vergogna. Sono l’unica che non ha preso soldi, eppure solo io ho quel marchio», frignava. Poverina.  

Nell’ultima intervista, il cronista dell’Espresso le chiede se ha  ricevuto pressioni da Berlusconi. E lei fa balenare dichiarazioni sibilline: il Cav le avrebbe fatto capire  che, se avesse fatto la brava, sarebbe stata ricompensata. Poi le «rivelazioni»: Michelle avrebbe visto il premier a letto con Ruby. Ma sono tutte balle, e ieri in Tribunale ne abbiamo avuto la dimostrazione.  

Veniamo ora al secondo caso. Quello di Ambra Battilana, giovanissima ex miss Piemonte. Sempre il 13 aprile 2011, Repubblica schiera tre pezzi da novanta: Giuseppe D’Avanzo, Piero Colaprico ed Emilio Randacio. «Notti da incubo ad Arcore. Ecco la verità sul bunga bunga» è il titolo dell’articolessa che raccoglie le confessioni di Ambra, anche lei descritta come una Maria Goretti. «Oggi se digito il mio nome e cognome su Google, sono associata al bunga bunga e al processo in corso, anche se (...) sono stata una sola volta ad Arcore e pensando di partecipare a una normale cena e per di più a casa del presidente del Consiglio. Ora invece vengo associata a “trentadue prostitute” pur essendomi comportata in modo del tutto corretto», si lamenta la piccola. Roba da spezzare anche i cuori più duri. Beh, questa settimana abbiamo scoperto che la situazione era un po’ diversa. Come ha rivelato Maria Rosaria Rossi del Pdl, la Battilana spedì a Silvio una lettera in cui diceva, riguardo la sera ad Arcore: «Siamo stati bene, lei è una persona meravigliosa, è stato un piacere conoscerla, spero di rivederla».  

 C’è di più. Ambra, assieme all’amica Chiara Danese, si è recata dai pm  per costituirsi parte civile contro Silvio dopo essersi affidata all’avvocato Patrizia Bugnano. Guarda caso, una senatrice Idv. Non solo.  Qualche mese prima che Repubblica scrivesse delle «notti da incubo» ad Arcore, Ambra aveva dichiarato al quotidiano CronacaQui: «Il bunga bunga? No, col premier solo spaghetti e karaoke». Insomma, anche qui balle e ripensamenti. Eppure Repubblica e l’Espresso hanno proseguito a fiaccare il Cavaliere per mesi e mesi, offrendo spazio e attribuendo credibilità a testimoni che tutto erano tranne che credibili. Ora resta solo da farsi una domanda: qual è la vera macchina del fango e chi la manovra? Le risposte ci sono. Le hanno fornite Ambra e Michelle, le Marie Goretti di Espresso e Repubblica.

di Francesco Brogonovo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tunnel

    01 Luglio 2012 - 20:08

    Ora basta, fatti processare e non rompere più le palle, i Magistrati hanno altri processi più seri da portare a termine,e non perdersi con queste BOIATEEEEE

    Report

    Rispondi

  • marystip

    01 Luglio 2012 - 19:07

    Che "La Repubblica" sia la corazzata della disinformazione in Italia l'hanno capito tutti, meno quei minorati mentali che sono i compagni.

    Report

    Rispondi

  • doblone

    01 Luglio 2012 - 18:06

    Ma noi italiani ci crediamo,uuuuuhhh ma come ci crediamo noi.......nessuno al mondo.

    Report

    Rispondi

  • valerio5

    01 Luglio 2012 - 16:04

    ora queste gentili e garbate signorine ritrattano, si contraddicono, forse era così, forse no mi sono sbagliata. per il priapo piovono assuluzioni malgrado le famigerate toghe rosse, lo stato ha trattato con tutti persino con la mafia, voi vedè che si è trattato anche in questa occasione!!!!!!!!! a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si indovina|||||||||\

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog