Cerca

Spending review sulle feste

Il governo taglia pure il santo patrono
Obiettivo: far crescere il Pil

Il decreto verrà discusso venerdì in Cdm: l'idea è di spostare la festività alla domenica più vicina

Si salva San Pietro e Paolo a Roma, Natale e Ferragosto per via dei Patti Lateranensi stipulati con il Vaticano. Per tutti gli altri chi vuole festeggiare deve prendersi un giorno di ferie
In processione a Napoli il 19 settembre per festeggiare San Gennaro

In processione a Napoli il 19 settembre per festeggiare San Gennaro

Il milanese che vuole festeggiare il 7 dicembre Sant'Ambrogio, dovrà prendere un giorno di ferie. Idem dovrà fare il napoletano che il 19 settembre non intende rinunciare alla processione della festa di San Gennaro e assistere ai riti sulla reliquia di sangue che si scioglie. Stesso discorso vale per il 25 aprile. Non solo è la festa della Liberazione, ma a Venezia, e anche a Latina, è San Marco, con le varie celebrazioni patronali. E così è a Catania il 5 febbraio per Sant'Agata o il 4 settembre a Viterbo per Santa Rosa. Per non parlare di Babbo Natale, che in realtà è San Nicola, e che a Bari, ma anche a Sassari, si festeggia il 6 dicembre. Se queste date non cadono di domenica, l'unico modo per non rinunciarci è prendere le ferie. Sì, perchè il governo Monti taglia pure sulle feste, o meglio vuole accorparle con l'obiettivo di far crescere il Pil. L'idea viene confermata in ambienti governativi e potrebbe essere esaminata nel prossimo cdm dopo il parere di quattro ministeri chiave. 

Il tema è stato affrontato anche dal governo Berlsuconi, lo scorso anno, e dopo una serie di valutazioni furono prese alcune decisioni, come ad esempio quella di far restare il 29 giugno un giorno di festa per i romani che celebrano i loro patroni, San Pietro e San Paolo. La festività rientra infatti tra quelle che sono oggetto di accordi con la Santa Sede, come, per esempio il 25 dicembre, Natale, o il 15 agosto, l'Assunzione.

Per tutti gli altri patroni si è aperta invece la via del decreto sul quale si è discusso nel preconsiglio di ieri. Il sottosegretario Antonio Catricalà avrebbe chiesto ai tecnici dei minsiteri di presentare un parere in modo che il provvedimento possa arrivare sul tavolo del Consiglio dei ministri già questo venerdì. Non si conoscono ancora i dettagli del testo.Tuttavia, alcune settimane fa il sottosegretario Gianfranco Polillo aveva sottolineato che ridurre il numero di giorni non lavorati di una settimana avrebbe portato all'aumento del pil di un punto percentuale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    18 Luglio 2012 - 07:07

    Hai ragione da vendere ma dalla testa il concetto non passa occorre provare da un altro pertugio.-

    Report

    Rispondi

  • beatles14

    18 Luglio 2012 - 01:01

    che altro ci si può aspettare?

    Report

    Rispondi

  • straycat2

    17 Luglio 2012 - 20:08

    concordo con il tuo pensiero..

    Report

    Rispondi

  • orconero

    17 Luglio 2012 - 19:07

    Ok, dopo questa minchiata Monti ha certificato che è un cretino patentato. Che caxxo risolve con questo provvedimento? Niente. Anzi, salteranno ponti e weekend lunghi deprimendo ancora l'economia. Fermateli......

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog