Cerca

Pirellone nella bufera

Formigoni, tutti i regali di Daccò:
20 milioni tra villa, barca e cene

Nell'informativa segreta della Polizia giudiziaria l'elenco dei trasferimenti di denaro dai faccendieri al governatore della Lombardia

I "bancomat" del presidente si sarebbero messi in tasca 70 milioni che la Fondazione Maugeri avrebbe dato in cambio di consulenze per agevolare i rapporti con la Regione
Formigoni, tutti i regali di Daccò:
20 milioni tra villa, barca e cene

 

Una parte dei fondi del San Raffaele e delal Maugeri trasferiti illecitamente a Daccò e a Simone sarebbero serviti a finanziare le campagne elettorali di Formigoni (almeno 600mila euro per la campagna elettorale del 2010 e altri per quella del 2005) e a pagare benefit di lusso per lui e il suo amico coinquilino, Alberto Perego. E' scritto nero su bianco sull'informativa segreta della polizia giudiziaria di Milano resa nota dal Fatto Quotidiano. Si tratta di un flusso di 20 milioni di euro pagati dal faccendiere Daccò e dal suo braccio Antonio Simone (che si sono messi in tasca qualcosa come 70 milioni di euro che la Maugeri avrebbe sborsato in cambio di consulenze per agevolare i rapporti con la Regione), metà dei quali sono sicuramente finiti al presidente della Regione Lombardia.  "Una parte di questi fondi" scrivono gli investigatori, "è stata utilizzata per l'acquisto, il mantenimento e il trasferimento di beni di lusso per alimentare il vasto portafoglio di benefit di cui negli anni hanno beneficiato Roberto Formigoni e il suo entourage". L'indagine è quella che vede indagati i conti del San Raffaele e della Fondazione Maugeri e che accusa il governatore di corruzione e finanziamento illecito ai partiti.

Ecco la lista: almeno 4 milioni di euro sono lo sconto di cui hanno goduto Formigoni e Perego a cui Daccò ha venduto una villa in Sardegna "ceduta a un prezzo di 3 milioni a fronte di un mandato a vendere di 7 milioni. Tre milioni e 700 mila euro sono le spese per "l'acquisto e mantenimento di imbarcazioni di lusso dal 2007 al 2011". Oltre 800 mila euro per biglietti aerei e "vacanze in diverse località caraibiche dal 2006 al 2011). Altri 70 mila euro sono le "spese sostenute da Daccò nell'interesse politico di Formigoni in correlazione al Meeting di Rimini di Comunione e liberazione". Il conto del ristorante è di 500 mila euro: a cena "Formigoni e altri uomini politici incontravano dirigenti e funzionari della sanità lombarda, dirigenti di strutture sanitarie pubbliche e private". E poi ci sono, scrive Antonella Mascari sul Fatto, oltre 11 milioni di euro in contanti che Daccò ha movimentato di cui, però, non è stato possibile verificare la destinazione finale. La conclusione degli investigatori è che Daccò e Simone non sono "il terminale", ma "l'ingranaggio di un più ampio meccanismo illecito" che unisce il San Raffaele, la Maugeri e Formigoni.

Ma il governatore non ci stà. "Quanto annunciato da Il Fatto Quotidiano e da La Repubblica oggi è completamente falso e destituito da ogni fondamento", ha tuonato Formigoni. Che quelle accuse non stiano in piedi secondo il presidente della Regione Lombardia lo si evincerebbe leggendo "i due pezzi con un minimo di attenzione. Oggi stesso i miei legali presenteranno querela e richiesta danni a carico dei due quotidiani".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dulbecco2

    04 Agosto 2012 - 20:08

    salvate il s Raffaele , centro di alto valore , salvate i suoi dipendenti che con passione hanno contribuito a renderlo grande... il resto ..è solo un attacco alla lombardia

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    20 Luglio 2012 - 12:12

    Vedete, quando si affrontano delle discussioni in questi toni, bisognerebbe avere buona memoria; e noi l'abbiamo: questo giornale(?) e voi maldestri, avete massacrato D'Alema per un paio di scarpe da 200 euro (che si è pagate lui!) arrivando a dire che era uno schiaffo in faccia ai lavoratori a basso reddito, ecc. ecc.. Ridicoli!!!! e Maldestri

    Report

    Rispondi

  • blues188

    20 Luglio 2012 - 12:12

    Ma imbestialito come sei e pieno unicamente di insulti misti a sicurezze infantili, che dieta segui? Se la sveli io me ne terrò alla larga, vorrei evitare una simile fine.

    Report

    Rispondi

  • giorcocco

    19 Luglio 2012 - 21:09

    Non facciamo confusione!Non ho citato la Procura.Ho solo parlato della conferenza stampa di Formigoni sui primi verbali taroccati da cui è disceso tutto.Comunque pochi minuti fa, a La7, Formigoni su precisa domanda di Mentana ha smentito anche lo scoop dei 9 milioni del Fatto Q di oggi e ha confermato la querela e richiesta di danni anche su quella (non) notizia!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog