Cerca

Spese pubbliche

Spending review: nessun taglio a Parlamento e Presidenza della Repubblica

Il decreto di Monti: Bondi non potrà 'sforbiciare' nemmeno la Corte Costituzionale

Spending review: nessun taglio a Parlamento e Presidenza della Repubblica

Mario Monti si riempie la bocca del termine "spending review", ossia il piano di revisioni e tagli alla spesa pubblica, che subito si presenta come l'ultima presa in giro del governo dei tecnici: il commissario straordinario incaricato di "sforbiciare", infatti, non avrà potere sulla presidenza della Repubblica, sulla Corte cosituzionale e sul Parlamento poiché hanno "autonomia costituzionale". Niente tagli per i cuori pulsanti della politica nazionale, insomma: è quanto prevede - sta scritto nero su bianco - nel decreto del presidente del consiglio dei Ministri in cui viene nominato il commissario straordinario, Enrico Bondi, e che stabilisce la durata "comunque non superiore a un anno" del suo mandato.

Le funzioni di Bondi - Secondo quanto stabilito dal premier, Bondi svolgerà funzioni di "supervisione, monitoraggio e coordinamento dell'attività di approvigionamento di beni e servizi da parte delle pubbliche amministrazioni". Tra le amministrazioni pubbliche che potranno essere sottoposte al processo di snellimento (Monti promette tagli per 4,2 miliardi di euro in un anno) sono incluse "tutte le amministrazioni, autorità, anche indipendenti, organismi, uffici, agenzie o soggetti pubblici comunque denominati, gli enti locali, nonché le amministrazioni regionali sottoposte a piani di rientro dal disavanzo sanitario per le voci relative alla spesa sanitaria".

Il cronoprogramma - Il decreto firmato da Monti prevede poi che il commissario straordinario dovrà presentare entro 15 giorni dalla nomina "un cronoprogramma al Consiglio dei ministri, che ne verifica l'attuazione sulla base di relazioni mensili del commissario", che avrà diritto di corrispondere con tutte le pubbliche amministrazioni e con gli enti di diritto pubblico e di chiedere, ad essi, oltre a notizie e informazioni, la collaborazione per l'adempimento delle sue funzioni".

Deadline per i ministeri - Per quel che concerne i ministeri, dovranno presentare la loro relazione sui tagli di spesa entro il 31 maggio di quest'anno. "Ciascun ministero - recita la bozza -, con la collaborazione della struttura di missione istituita con decreto del presidente del Consiglio dei ministri, propone un progetto contenente sia gli interventi di revisione e riduzione della spesa atti a generare i risparmi di spesa previsti, sia misure di razionalizzazione organizzativa e di risparmi per gli esercizi futuri".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dulbecco2

    04 Maggio 2012 - 21:09

    Monti sei vergognoso.. hai la faccia come.... vattene a casa chi ti ha votato.. Berlusconi appena diceva qualcosa tutti contro, Monti dice che tanto i nostri suicidi sono pochi rispetto alla Grecia e nessuno si indigna.. La Bindi non dice niente non si indigna? è capace di indignarsi solo quando si dice la verità che NAPOLITANO è un comunista cosa vera..visto che è stato con il PCI per tantissimo tempo.. Bindi non ti indigni? per le frasi di Monti? va tutto bene?? era meno grave la frase di Silvio alla A.M. (culona) tra l'altro intercettata

    Report

    Rispondi

  • piffi

    03 Maggio 2012 - 18:06

    Niente piu' soldi da versare! !!! Siamo autoautorizzati a non versare piu' un decimo. Arrangiatevi!!!! Dovremmo togliere anche tutti i soldi dalle banche. Poi potete anche fallire...imbecilli

    Report

    Rispondi

  • egobz

    03 Maggio 2012 - 07:07

    e questi dovrebbero insegnare cose di economia nelle università? Ecco perchè le università italiane non sono nelle classifiche mondiali di qualità.

    Report

    Rispondi

  • lallo1045

    02 Maggio 2012 - 21:09

    Poveri professori! Ma più poveri noi! In che mani il Komunista napolitano ci ha messo! Visto che sono quasi tutti BOCCONIANI chiudiamo la Bocconi ché non ne stampi più! Mio nonno, con la 2° elementare avrebbe fatto molto, molto, molto .........meglio di questo branco di ignoranti ma attaccartissimi alla sedia, allo stipendio, al potere ed ai privilegi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog