Cerca

Democratici affondati

Ezio Mauro e l'Ing come Grillo
"Bersani, ormai sei morto"

Anche il direttore di Repubblica si iscrive al listone Saviano: "O si cambia, o si muore"

Ieri De Benedetti aveva umiliato il leader del Pd: "Dice che hanno vinto alle amministrative? Balle". E Grillo a Pierluigi: "Sei uno zombie..."
Ezio Mauro e Carlo De Benedetti

Direttore ed editore di Repubblica come Grillo: "Bersani, sei morto"

Il primo proiettile lo ha sparato Beppe Grillo: "Sei uno zombie". Alias "sei morto". Il bersaglio è il leader del Partito Democratico, Pier Luigi Bersani, che non vuole rassegnarsi ad ammettere la sconfitta. "Alle amministrative abbiamo vinto senza se e senza ma", spiegava in conferenza stampa. E Grillo, che a Parma lo ha strabattuto, lo sfotteva, lo umiliava derubricando le sue affermazioni a sparate di qualcuno che deve essere portato al Tso (il trattamento sanitario obbligatorio, ndr), invocando l'arrivo di qualche anima pia che accompagnasse il "vecchio" Bersani a una panchina del parco.

De Benedetti - A ricordare che per il Pd, negli ultimi ballottaggi, di tutto si può parlare ma non di una vittoria, con toni più urbani ma ancor piùm taglienti, è poi sceso in campo l'editore di Repubblica, Carlo De Benedetti, che senza giri di parole martedì ha spiegato a Bersani: "Lui parla di vittoria? Non è vero. Il Partito Democratico non ha vinto". L'Ingegnere si riprende la tessera numero uno del Pd e detta la linea: ricambio, ricambio, ricambio. Il diktat: rottamare Pierluigi. 

Listone Saviano - De Benedetti archivia la parentesi Bersani, e nel solco di quanto fatto dal fondatore di Repubblica, Eugenio Scalfari, si iscrive al listone-Roberto Saviano. Scalfari, in una delle sue domenicali colate di piombo, tratteggiava l'identikit del futuro leader della sinistra, parlava di "etica pubblica da rispettare", di "lotta alle mafie e alle oligarchie corporative". E ancora: "Sarebbe molto opportuna la formazione di una lista civica apparentata con il Pd e rappresentativa di legalità". E per la sinistra chi c'è di più "civico" e "legalitario" dell'autore di Gomorra? Nessuno.

E poi Ezio Mauro - Alla lista di endorsment che hanno trovato diritto di cittadinanza su Repubblica mancava soltanto quello del direttore, Ezio Mauro. Ed ecco che oggi, mercoledì 23 maggio, in un editoriale intitolato "per chi suona la campana", anche "penna rossa" gioca al tiro a bersaglio contro Bersani. Mauro alza il tiro e si allinea con Beppe Grillo nel ricordare al segretario che, di fatto, è già defunto: "O si cambia, semplicemente, o si muore". E come si cambia? "Bisogna dare un senso alla politica, alla funzione democratica dei partiti, rendendoli forti perché contendibili, finalmente aperti. Bisogna - continua Mauro - recuperare l'onere sociale dei vecchi servitori dello Stato, il potere in forza della legalità, in forza della disposizione all'obbedienza, nell'adempimento di doveri conformi ad una regola". Le parole si inseguono come in un ritornello: servitori dello Stato, legalità, obbedienza. Roberto Saviano avrà letto con soddisfazione l'articolo di Mauro. Si sarà (nuovamente) sentito chiamato in causa. Bersani, invece, starà provando, con amarezza, ad archiviare l'ennesimo colpo basso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pi.bo42

    24 Maggio 2012 - 14:02

    Grazie per il commento. Volevo solo fare della ironia, chiaramente di parte sx, su un argomento purtroppo molto serio. E'da un pezzo, comunque, che Alfano e Berlusconi ce la menano con questo nuovo partito fuori da ogni schema conosciuto, lo deve convenire. Per quanto riguarda il 2013 nè lei nè io sappiamo come andrà a finire, speriamo non nella m.....a, come seriamente temo. Altro che Berlusconi o Bersani, ci sarà da ridere (o da piangere?). Saluti.

    Report

    Rispondi

  • micael44

    23 Maggio 2012 - 16:04

    L'argomento è il PD ed il nuovo partito "La7^Repubblica" (saltiamo la 3/4/5 e 6^), che, con Saviano a "simbolo", è già dichiarato dalla coppia De Benedetti-Mauro! Lei, senza esprimersi in materia, si scaglia subito contro un'entità sconosciuta che chiama "Aifanberlusca"! Ne ha forse paura? Non dovrebbe averne, viste le certezze della sua parte politica! Il tempo ci dirà: aspetti la primavera del 2013 e non si esponga troppo, potrebbe fare una brutta figura!!

    Report

    Rispondi

  • rovera

    23 Maggio 2012 - 16:04

    Ve lo immaginate Saviano presidente del consiglio che convoca Grillo, Gene Gnocchi, Celentano e Crozza? Io già me lo vedo a Bruxelles a colloquio con la Merkel, mentre si accarezza lentamente la barba sfogliando il libro delle citazioni famose, in cerca di cose sensate da dire.Ormai questa italia è proprio alla deriva, se oggi possiamo prendere in considerazione ciò che si può considerare fantapolitica.

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    23 Maggio 2012 - 16:04

    Tutti fermi, non fate nulla, sta per arrivare un annuncio epocale : quello del nuovo partito Aifanberlusca! Tiriamo tutti il fiato e aspettiamo con trepidazione e senza prendere alcuna iniziativa! Sarà presentato, credo, a "Porta a Porta", accompagnato da un nuovo , anch'esso epocale, contratto con gli Italiani; purtroppo quello precedente lo stilatore se l'è dimenticato, data l'età e gli eccessivi impegni extra....politici!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog