Cerca

Il futuro del Pdl

Alemanno azzoppa Berlusconi
"Non si ricandiderà"

Il sindaco di Roma rivela il colloquio a Palazzo Grazioli: "Tranquillizzo i mercati e la sinistra: non ci sarà il sesto tentativo del Cav"

Poi Gianni dà una bordata a Monti: la sua esperienza di governo "dimostra che i tecnici le grandi riforme non le possono fare, perchè quelle strutturali hanno bisogno di una grande visione politica e del consenso popolare"
Alemanno azzoppa Berlusconi
"Non si ricandiderà"

 

"Tranquillizzo i mercati e la sinistra: non ci sarà il sesto tentativo di Berlusconi". Lo ha detto il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, intervenendo ad 'Omnibus' su La7. "Grazie alle mie dichiarazioni - ha aggiunto il sindaco - lo spread diminuirà di qualche punto". "Ho parlato questa settimana con Berlusconi e gli ho espresso le mie perplessità sulla riproposizione della sua candidatura che ritengo rappresenti un passo indietro", ha sottolineato Alemanno. "Oggi il Pdl e tutto il centrodestra stanno attraversando un momento difficile, devono scrivere una pagina nuova - ha proseguito Alemanno - e costruire una nuova visione". L’esperienza del Governo Monti "dimostra che i tecnici le grandi riforme non le possono fare, perchè quelle strutturali hanno bisogno di una grande visione politica e del consenso popolare", ha continuato il sindaco secondo il quale "è la politica che deve fare le riforme, quelle vere: il Governo Monti ha fatto una buona riforma sulle pensioni ma una pessima e contraddittoria riforma sul lavoro, e poi ha prodotto una serie di manovre fondate sui tagli lineari, come quelli della spending review".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • MarziaItaliana

    21 Luglio 2012 - 17:05

    Chi gliela fa fare! E' stato un sacrificio notevole e, purtroppo inutile, perché non lo hanno fatto governare.... E Cmq, Alemanno, non spetta a te annunciarlo. Fatti i fatti tuoi!

    Report

    Rispondi

  • MarziaItaliana

    21 Luglio 2012 - 16:04

    Ora non dobbiamo esagerare con il desiderio di rinnovare. Alfano e tanti altri giovani del PDL, sono già il nuovo, che vale. Non dobbiamo penalizzarli per le colpe dei padri, questi giovani sono arrivati adesso, e il degrado ce lo hanno trovato, e' cominciato 30 anni fa. Il vecchio, se vale, e' necessario e fondamentale. Non per niente i Romani avevano istituito il "Senatus". La saggezza e l'esperienza dei vecchi deve guidare e consigliare i giovani ed Alfano lo sa, ecco perche' rispetta e ammira Berlusconi. E anche molti italiani lo sanno che B. e' un vecchio che vale, che funziona e che ha molto da insegnare - più dei Professori della Bocconi, direi!

    Report

    Rispondi

  • Lelusca

    21 Luglio 2012 - 16:04

    Da ex fan e accanita sostenitrice di Berlusconi mi auguro proprio che non pensi su serio di ricandidarsi.Voglia risparmiarci, per favore,lo scenario quotidiano di una politica-arena di scontri,insulti,disaccordi urlati,risse continue nonchè il disagio( per noi-ex)nel dover giustificare le sue battute infelici e a volte pesanti anche in incontri internazionali, che seguivamo con angoscia sempre nel timore appunto di sentirne una nuova...

    Report

    Rispondi

  • ginko

    21 Luglio 2012 - 14:02

    Domanda per il piccolo peppone capitolino: la pagina nuova di cui fantastica è per caso la riproposizione di una AN post Montecarlo? Abbia almeno un moto di gratitudine verso chi lo ha messo sulla poltrona che occupa che mai, dico mai, avrebbe scalato con le sue "immense" doti politiche.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog