Cerca

Gianfranco è confuso

Fini si copre di ridicolo:
"Sì al semipresidenzialismo
ma non quello del Pdl"

Il leader di Fli: "E' solo propaganda". Dura replica di Cicchitto: "La smetta di fare politica". Gasparri: "Così rinnega tutto il suo passato"

Gianfranco Fini in versione gufo

Il leader futurista visto da Benny

 

Gianfranco Fini semipresidenzialista? Sì, ma solo quando gli fa comodo. O meglio: non lo è quando l'occasione è buona per attaccare il nemico giurato, il Pdl. Dopo il "sì" al Senato alla proposta di riforma costituzionale (Lega Nord e Pdl hanno votato insieme ricostituendo, almeno per un giorno, la vecchia alleanza), ecco le dichiarazioni del presidente della Camera: "Ero semipresidenzialista 30 anni fa e lo sono anche oggi, per questo sono sconfortato per il vecchio vezzo del Pdl di confondere propaganda e politica che torna a essere dominante". E ancora: "Sono semipresidenzialista e ho un'idea di come funziona in Francia". Il punto è che secondo il leader di Futuro e Libertà, "non si scrive un testo della Costituzione come fosse un volantino di propaganda". Insomma, la riforma votata al Senato da Pdl e Lega è "una operazione di propaganda che deve essere condannata". Le parole di Fini si commentano da sole: si dichiara a favore del semipresidenzialismo, ma poiché è stato proposto dall'asse "nemico" (Carroccio e Azzurri) è da bollare come una sparata propagandistica. Pur di attaccare i vecchi compagni di partito, il presidente di Montecitorio è disposto a cadere nel ridicolo.

"Azione politica" - Subito sono fiorite le replice alle parole di Fini. Per primo Fabrizio Cicchitto, che contesta l'azione eminentemente politica dell'ex alleato: "Ancora una volta, e su una questione assai delicata quale quella del presidenzialismo, il presidente Fini confonde il ruolo politico con quello istituzionale, ripetendo la battuta di Massimo D'Alema sul volantino di propaganda. Per noi - ha aggiunto il capogruppo Pdl alla Camera - il progetto di riforma costituzionale dell'elezione diretta del Presidente della Repubblica è fondamentale, anche perché serve ad avvicinare i cittadini alle istituzioni, ragion per cui ne chiederemo la calendarizzazione nei lavori delle commissioni competenti per portare il disegno di legge nell'Aula di Montecitorio il prima possibile".

"Rinnega il suo passato" - Quindi la dura replica di Maurizio Gasparri: "E' un dato di fatto che Fini abbia tradito il presidenzialismo, dopo aver dedicato a questa causa tanto tempo e tante energie. Ma che da presidente della Camera esprima giudizi inaccettabili sulla libera determinazione del Senato è un fatto inammissibile - ha commentato il presidente del gruppo Pdl al Senato, sposando la posizione di Cicchitto -. Non si può presiedere un ramo del Parlamento - ha proseguito Gasparri - ed assumere un atteggiamento così fazioso, quando toccherà proprio alla Camera garantire la prosecuzione dell'iter della riforma costituizionale". Infine il commento del parlamentare del Pdl, Luca D'Alessandro: "Le parole di Gianfranco Fini, proprio perché pronunciate da chi confonde consapevolmente e per puro calcolo il ruolo di capo partito e provocatore politico con quello istituzionale, sono irricevibili. Tanto più perché riguardano una riforma, quella semipresidenziale, che lo vedeva in passato fra i più fervidi sostenitori. Adesso - ha concluso D'Alessandro - sembra rinnegare anche questa".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • busdel

    28 Luglio 2012 - 08:08

    penso che il Presidente della Camera abbia bisogno di curarsi; oottimo ospedale è il San Giovanni di Trieste dove ha operato per anni il prof Basaglia saluti busdel

    Report

    Rispondi

  • gianni modena

    28 Luglio 2012 - 06:06

    il fini è da sempre un pover uomo che non sa cosa fare . si vedeva qundo è entrato nel PDL che lo faceva di malavoglia , ma perchè lo ha fatto ?? per il suo orgoglio perchè solo così poteva occupare le carica di presidente della camera e come l'ha occupata in modo del tutto fazioso . da quando ha capito che non avrebbe mai potuto succedere a Berlusconi si è riempito di livore nei confronti di chi lo ha salvato politicamente e si è comportato non da politico , ma da piccolo uomo senza intelligenza . l'immagine più adatta a lui è una serpe . cordialità

    Report

    Rispondi

  • steu60

    27 Luglio 2012 - 18:06

    mai vista la terza carica dello stato di nessun paese CIVILE fare discorsi tanto meschini e meschino chi lo segue e difende a spada tratta,ma prima o poi arriveranno anche queste cazzo di elezioni a ripristinare la democrazia.DEMOCRAZIA fini è una situazione sociale e politica che non rientra nelle tue dinamiche mentali,e non si può spiegare in due parole ad uno ottuso come te. Politicamente ci si confronta sulle idee e non si fanno questioni personali.Se il povero giorgetto fosse ancora nell'aldiqua ti manderebbe a casa a calci sul culo trapuntato che ti ritrovi, così incollato allo scranno.Ringrazia il buon Dio che te l'ha tolto di torno.

    Report

    Rispondi

  • steu60

    27 Luglio 2012 - 18:06

    mai vista la terza carica dello stato di nessun paese CIVILE fare discorsi tanto meschini e meschino chi lo segue e difende a spada tratta,ma prima o poi arriveranno anche queste cazzo di elezioni a ripristinare la democrazia.DEMOCRAZIA fini è una situazione sociale e politica che non rientra nelle tue dinamiche mentali,e non si può spiegare in due parole ad uno ottuso come te. Politicamente ci si confronta sulle idee e non si fanno questioni personali.Se il povero giorgetto fosse ancora nell'aldiqua ti manderebbe a casa a calci sul culo trapuntato che ti ritrovi, così incollato allo scranno.Ringrazia il buon Dio che te l'ha tolto di torno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog