Cerca

Bilancio di governo

Province, tagli, aiuti, spread
le promesse non mantenute del Prof

Nove mesi di bugie: ecco come i tecnici hanno mentito agli italiani

Nessun taglio, nessuno piano anti povertà, nessun aiuto ai giovani; gli sprechi si continuano a fare, le tasse continuano ad aumentare e l'Europa non sembra così disponibile ad aiutarci
Province, tagli, aiuti, spread
le promesse non mantenute del Prof

 

Le bugie hanno le gambe corte. Anche quelle dei professori. E ora dopo nove mesi di governo Monti la verità si manifesta in tutta la sua drammaticità: la situazione è altra cosa rispetto a quella che i tecnici hanno promesso agli italiani. Nessun taglio, nessuno piano anti povertà, nessun aiuto ai giovani; gli sprechi si continuano a fare, le tasse continuano ad aumentare e l'Europa non sembra così disponibile ad aiutarci. Nove mesi di chiacchiere, nove mesi di annunci, nove mesi di rimpalli: il risultato è quello di un Paese con il Pil in picchiata, un debito pubblico da record e una morsa fiscale che toglie il respiro. 

L'ultima bufala, del 15 luglio scorso, riguarda la dismissione del patrimonio pubblico. Secondo il ministro Grilli si potrebbe così mettere in cassa qualcosa come 20-30 miliardi: una goccia nel mare del debito di 2mila miliardi di euro. Eppure ai tecnici sembrava un'idea geniale. Tanto quanto quella fatta da Monti in persona il 24 maggio scorso al Forum nazionale dei Giovani. Il professore promise 8 miliardi di euro contro la disoccupazione giovanile: peccato che quei soldi nessuno dei 128mila ragazzi (50mila solo in Sicilia) con i requisiti per beneficiare del provvedimento li ha visti. Anche i poveri hanno pensato di poter essere aiutati dal governo. C'era addirittura un piano presentato in pompa magna l'11 maggio da Monti, Barca, Riccardi e Fornero: un miliardo di euro, prelevati dai foni Ue per il Mezzogiorno, per affrontare l'emergenza sociale di anziani e bambini soprattutto al Sud. Ma ad oggi la qualità della vita degli indigenti non è affatto migliorata. Anzi. E che dire dell'annuncio sulla chiusura dei cantieri della Salerno Reggio Calabria? Il 12 giugno scorso il ministro Passera aveva assicurato che sarebbe stata ultimata prima dell'esodo ferragostano: e invece i lavori sono ancora in corso. 

Poi c'è il capitolo sprechi e tagli. Il 4 dicembre 2011 nella prima manovra del Governo Monti c'è una norma che prevede la cancellazione di diverse Provincie per abbattere i costi della faraginosa macchina amministrativa. Niente di fatto: i tecnici ci riprovano con il decreto sulla spending review di luglio lasciando la questione nelle mani degli stessi enti locali: il che equivale a dire che questa sforbiciata non si farà mai. più o meno la stessa situazione per l'abolizione del finanziamento a partiti e sindacati. Dopo mesi di promesse e discussioni sull'onda emotiva degli scandali della Margherita e della Lega, Giuliano Amato incaricato da Monti di fare un piano sui tagli si limita ad affidare, cosa peraltro già prevista, la revisione dei bilanci alla Corte dei Conti, contributi statali proporzionati alle donazioni private e riduzioni dei distacchi sindacali: più o meno le stesse cose che il Parlamento ha già approvato. Ma la beffa più pesante che hanno subìto gli italiani è quella delle mail contro gli sprechi: le 140mila segnalazioni (una ogni due secondi nei primi giorni) arrivate alla casella elettronica di Palazzo Chigi sono rimaste lettera morta. Il motivo? Perchè il governo non ha tenuto conto della privacy. 

Infine parliamo dello scudo anti-spread. Monti ci ha messo un'intera notte a convincere la cancelliera tedesca  a firmare un accordo per avrebbe dovuto proteggere l'Italia dagli attacchi della speculazione. Una notte a cui è seguita una settimana di festeggiamenti, ma alle parole non sono seguiti, ancora una volta, i fatti.  

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    09 Aprile 2014 - 14:02

    Ed ecco il perfetto raccomandato dal Presidente della Repubblica: un inetto, falso, impreparato, che ha aiutato i poteri forti mettendo nella m.... la povera gente. Direi il classico soggetto da additare come anti Italiano e buon lecchino dell' Ue specialmente della Merkel.

    Report

    Rispondi

  • Phidry Hiellie

    18 Agosto 2012 - 13:01

    ......come da collaudato coppione, ha fatto il politiko di merda, il suo uniko obbyettyvo era raccogliere denaro in fretta per pagare gli speculatori e garantire la soppravivenza (stipendi) della kasta ed i vitalizi. Secondo voi, il baratro tanto koklamato dai puzzolenti a kosa si rifeeriva? Non sicuramente al funzionamento del wellfare per i cittadini, ma il riskio di non percepire stipendi, vitalizzi e privilegi (la Kasta), tutto li ecco il baratro. Kolonellos montez,vuoi u konzilio, chiedi scusa a gli Italiani, ruota di 180 gradi e vattene!!!!Montezz è un traditore della Patria, solo il rigore gli è andato a buo fine, l'equità e la crescita sono buffonate da polityko!!!!!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    16 Agosto 2012 - 08:08

    La lavagna di Vespa: 20.000 Km di autostrade, le autostrade del mare, la piena occupazione. E Lunardi: rifaccio la segnaletica...non ha rifastto una cicca.

    Report

    Rispondi

  • c.camola

    15 Agosto 2012 - 11:11

    Non credo che il Prof. Monti abbia sbagliato.Ma se cosi fosse se ne dovrebbe guardare non da Rè Giorgio ma dal vero Rè D'Italia che si chiama POPOLO.E sarebbero diavoli amari non solo per Lui ma per tutta la Casta.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog