Cerca

Comportamento

Perché un cane fatica ad apprendere?

La spiegazione dell'esperto

Perché può essere così difficile insegnare qualcosa ai cani? Perché occorre così tanto tempo? 
Cane-non-apprende

Nella scala evolutiva, le specie più vicine a noi sono i primati antropomorfi non umani, mentre il cane è considerato molto distante. In effetti, la capacità di quest’ultimo di elaborare la conoscenza acquisita per produrre nuove informazioni è decisamente inferiore a quella di uno scimpanzé, ma il fatto che il cane si sia evoluto insieme a noi ne ha fatto una specie in grado di produrre una grande varietà di comportamenti, che lo differenzia da tutti gli altri animali e lo rende capace di adattarsi anche in ambienti altamente tecnologicizzati.

Gli studi sul condizionamento classico e operante attribuiscono ai cani la capacità di apprendere  per associazione, ma non assegnano alcun ruolo all’individuo, alle sue conoscenze, alle sue percezioni e alle sue rappresentazioni mentali. 

In realtà secondo Edward C. Tolman, l’apprendimento non avviene per associazione, bensì per acquisizione di conoscenza e che la messa in atto di un comportamento, a vantaggio di un altro, è dettato da una scelta. Ecco spiegato perché ogni cane si comporta in modo diverso di fronte agli stessi insegnamenti

Ovvio che, per poter scegliere, è necessario disporre sia di più opportunità, sia della capacità di valutarle (Processo Cognitivo, ossia quel meccanismo attraverso il quale l’individuo acquisisce e trasforma i dati provenienti dall’ambiente, traducendoli in conoscenze che influenzeranno il suo comportamento).

di Costanza De Palma, della redazione di QZlife.it 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog