Cerca

lazio

Istat, in III° trim. calo congiunturale export -2,3%

Istat, in III° trim. calo congiunturale export -2,3%

Roma, 17 nov. (Labitalia) - Nonostante il recupero registrato a settembre, nel terzo trimestre 2015 la diminuzione congiunturale dell’export è rilevante (-2,3%), diffusa a tutti i principali raggruppamenti di prodotti e più marcata per l’area extra Ue (-4,2%) rispetto a quella Ue (-0,7%). E' quanto emerge dalle rilevazioni diffuse dall'Istat. Nello stesso periodo, si registra una contenuta riduzione della competitività dell’Italia rispetto ai principali partner europei: la quota nazionale sull’export dell’area Uem è in lieve diminuzione (-0,3 punti percentuali) rispetto al trimestre precedente, mentre è invariata per lo stesso trimestre del 2014.

Nello scorso settembre le esportazioni hanno registrato un aumento congiunturale dell'1,6% e le importazioni dell'1,1%. Il surplus commerciale è di 2,2 miliardi (+1,9 miliardi a settembre 2014). La crescita congiunturale dell’export, la prima dopo tre mesi di consecutiva flessione e in linea con l'incremento dei livelli di attività (+0,2% la variazione mensile della produzione industriale), è imputabile all’aumento delle vendite verso i mercati extra Ue (+5,2%), mentre verso l’area Ue si registra una contenuta flessione (-1,1%).

L’incremento congiunturale dell’import interessa entrambe le aree di interscambio (+1,3% per l’extra Ue e +0,9% per l’Ue) ed è particolarmente accentuato per l’energia (+3,8%) e i beni strumentali (+1,6%). A settembre i mercati che manifestano una crescita dell’export particolarmente sostenuta sono: Stati Uniti (+18,4%), Belgio (+16,1%), Spagna (+12,2%) e Polonia (+11,6%).

In rilevante espansione le vendite di autoveicoli (+30,4%), di articoli sportivi, giochi, strumenti musicali, preziosi, strumenti medici (+8,7%) e di computer, apparecchi elettronici e ottici (+8,6%). In particolare, un forte stimolo alla crescita dell’export proviene dalle vendite di articoli farmaceutici in Belgio e di autoveicoli negli Stati Uniti.

Nei primi nove mesi dell’anno l’attivo raggiunge i 30,0 miliardi (+56,1 miliardi al netto dell’energia). Le esportazioni nazionali registrano un ampio incremento tendenziale (+4,2%), sostenuto anche per l’import (+3,7%), specie se al netto dell’energia (+8,3%).

Nello stesso periodo, l’espansione verso l’area Ue (+3,7%) si associa a una quota nazionale sugli scambi intra Ue in lieve diminuzione (-0,1 punti percentuali) mentre è in espansione per la Germania (+0,8 punti) e declina per la Francia (-0,3 punti). L’incremento delle esportazioni italiane verso i paesi extra Ue (+4,7%) si associa a una quota nazionale stabile rispetto a quest’area che risulta invece in aumento per Germania (+0,8% punti) e Francia (+0,6 punti).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog