Cerca

La speculazione

Fondi Usa ed economisti di Berlino: ecco chi scommette sulla fine dell'euro

Il vento che soffia contro la moneta unica parte dall'altra sponda dell'Atlantico fino a coinvolgere pedine europee

Fondi Usa ed economisti di Berlino: ecco chi scommette sulla fine dell'euro

Più la crisi avanza, più i dubbi sulla possibilità di risolverla crescono. Il futuro dell'euro è appeso a un filo, e il fronte delle forze globali che avversano la moneta unica è in movimento e in crescita, negli Stati Uniti come in Euorpa e nel resto del mondo. Citato dal Corriere della Sera, parla Robert Koenigsberger, fondatore di Gramercy, un hedge fund Usa che gestisce più di tre miliardi di dollari. Il suo punto di vista è chiaro: "Il mercato europeo è in via di immersione, meglio starci lontani". Nei paesi che vanno a fondo in una situazione politica incertissima, prosegue, "può succedere di tutto e prendere un bagno mortale". Tanto che secondo Koenigsberger anche scommettere al ribasso può essere un rischio: se i governi si decidessero a introdurre gli eurobond le perdite sarebbero enormi. La morale? Restare lontani dalla zona euro, punto e basta.

Senza possibilità - Negli Stati Uniti è opinione diffusa che sia impossibile salvare la zona euro, anche se tempi e modi del crollo non sono ancora chiari. Kyle Bass, fondatore dell'hedge fund Hayman Capital, è tranchant: "Non c'è niente che possa salvare l'Eurozona". Secondo Bass la confusione politica in un mix letale con l'implosione economica rende impossibile fare previsioni e quindi investire. Sempre negli Usa, non tutti hanno però definitivamente abbandonato la zona euro. Certo, i grandi fondi pensionistici negli ultimi anni hanno alleggerito le loro posizioni e sono usciti del tutto dai Paesi Ue periferici per rifugiarsi in quelli sicuri, come Germania, Olanda, Finlandia, Austria. Il problema è che i titoli di Stato di questi Paesi cominciano a dare rendimenti negativi: un buon motivo per abbandonare del tutto la zona euro.

E in Europa... - Ma i dubbi sulla tenuta dell'Eurozona arrivano anche da analisti di banche europee, come Ubs, che in un rapporto spiega come molti investitori giapponesi negli ultimi due anni siano passati dai titoli sovrani devastati a quelli più sicuri per poi abbandonare del tutto l'euro. Il vento che soffia contro la moneta unica è imponente. Parte dall'altra sponda dell'Atlantico e sale d'intensità sopra l'Europa. Tanto che anche in Germania il fronte contrario all'euro è sempre più nutrito. Ha fatto scalpore la lettera aperta firmata da duecento autorevoli economisti tedeschi, che hanno chiesto alla cancelliera Angela Merkel di negare i fondi necessari per il salvataggio delle banche spagnole. E ancora, sempre dalla Germania, l'appello di Hans-Olaf Henkel, il presidente degli industriali ai tempi della nascita dell'euro: Henkel ha lanciato una campagna contro la moneta unica, e scrivendo sulle colonne del Financial Times ha chiesto a Frau Merkel un cambio di linea netto sull'euro, un cambio di linea che la porti a rinnegarlo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • VincenzoAliasIlContadino

    22 Luglio 2012 - 09:09

    Sbagliare è umano,ma perseverare nel ciarlare non affermando che l'€ è il cancro nell'Economia! Io credo che se Draghi non fosse un Banchiere e non apparteneza alla Casta avrebbe capito ed affermato che tolto il target agli speculatori che sono peggio dei criminale,visto il danno reso all'UE con un migliaia di suicidi,milioni di fallimenti,distruzione di Valori,tradizioni con comportamenti spariti per generazione pur sapendo che questi disonesti non pagheranno il danno datosi che appartengono alla stessa razza e cane non mangia cane,al Marx Pane$Cicoria con champagne alle Maldive alla faccia di chi ha perso tutto,la faccia,l'onore e uno strascico di suicidi perchè persi i risparmi guadagnato con sudori alla fronte o di chi oggi percependo poco più di 1000€,a conti fatti, a malapena può pagare le bollette con questa“preziosa moneta”oltre a sfondaci le tasche ha di fatto triplicato i prezzi,impoverendo in un solo colpo pensionati e lavoratori.Così per Cipputi&Son che hanno credute le fa

    Report

    Rispondi

    • ramadan

      23 Maggio 2014 - 12:12

      ma hai letto qualcosa sull'euro ? io ho l'impressione che tu sei uno di quelli che non vogliono l'euro perchè , secondo voi l'euro è la causa di tutti mali così come il diavolo è responsabile dei mali del mondo. avete sc ordato l'inflazione galoppante , la scala mobile , i tassi dei bot al 21% ? per favore non lasciatevi condizionare da grillo e da salvini : leggete , informatevi , cercate di ragi

      Report

      Rispondi

blog