Cerca

Ko tecnico

Bankitalia: debito pubblico record
oltre 2000 miliardi

Nonostante la politica di austerità e tasse, i nostri conti non accennano a miglirare, anzi...

Mario Monti

Nuovo record del debito pubblico italiano a ottobre scorso, quando ha sfondato per la prima volta il tetto di duemila miliardi di euro. E’ quanto riporta Bankitalia nell’ultima pubblicazione statistica sulla finanza pubblica diffusa. Il debito si è attestato in particolare a 2.014.693 milioni di euro. Le entrate tributarie erariali sono ammontate a 29,6 miliardi a ottobre scorso contro i 22,7 mld del mese precedente. Nei primi dieci mesi del 2012 le entrate si sono attestate a 309,3 miliardi di euro con un aumento del 2,9% sul corrispondente periodo del 2011. Un'altra prova che la cura Monti non funziona, che nonostante l'aumento delle tasse, il debito pubblico non accenna a dimininuire, anzi continua a crescere. 

Italiani meno ricchi Nel frattempo la ricchezza delle famiglie italiane diminuisce. La flessione è del 5,8% dal picco massimo del 2007. E resta molto concentrata: alla fine del 2010 la meta' piu' povera delle famiglie italiane deteneva il 9,4% della ricchezza totale, mentre il 10% piu' ricco deteneva il 45,9%. La fotografia scattata da Bankitalia nel supplemento al Bollettino economico dedicato alle famiglie delinea un Paese profondamente segnato dalla crisi economica in atto, ormai, da quasi cinque anni. E il dato che si conferma è ' che la distribuzione della ricchezza "è caratterizzata da un elevato grado di concentrazione". In sostanza, pochi ricchi che non perdono terreno e molte famiglie che si impoveriscono. Si torna, piu' o meno, sui livelli di concentrazione di fine anni Novanta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    15 Dicembre 2012 - 14:02

    L'ho sempre sospettato che questo fosse un MAGO-

    Report

    Rispondi

  • D.P.F.

    15 Dicembre 2012 - 14:02

    Un mio amico ha una figlia, ormai grande. Mi racconta che quando era piccola soleva chiedere: Papà compriamo la macchina nuova, o la casa al mare o qualsiasi altra cosa, costosa, che colpiva l'immaginazione di una bimba. Quando il papà le rispondeva che non era possibile perchè ci volevano tanti soldi, lei obbiettava: Ma tanto tu vai in banca ! Derivava dal fatto che in famiglia si procedeva a prelievi di bancomat piuttosto che tenere molti contanti in casa. Ecco, il prof ha fatto proprio questo, non sapendo come risolvere la questione ha optato per la strada più semplice, ha prelevato da chi non poteva rifiutare senza troppi riguardi verso l'ammontare delle sostanze disponibili o l'accrescimento del debito. Non è neppure l'uovo di Colombo, così sarebbero stati buoni tutti, destra, sinistra e non schierati. Mossa vigliacca perché nessuno poteva rifiutare e lui non doveva rispondere altro che ad un onnipotente mentore, con buona pace della salute della Nazione e dei Cittadini.

    Report

    Rispondi

  • ilsaturato

    15 Dicembre 2012 - 14:02

    non hanno tagliato la spesa pubblica (come i partiti), hanno aumentato il debito pubblico (come i partiti), hanno aumentato le tasse (come i partiti, anzi di più), hanno tutelato il pubblico impiego e non liberalizzato il mercato del lavoro (come i partiti), mantenuto alto lo spread (come i partiti)… in compenso, molto meglio dei partiti hanno saputo demolire i consumi, il PIL, il credito alle imprese, l’occupazione, gli investimenti stranieri e, come ciliegina sulla torta, sono riusciti a farci diventare marionette nelle mani di Merkel, agenzie di rating, BCE, ecc… Ah, dimenticavo, sono riusciti a farci ridicolizzare dagli indiani con la storia dei Marò (tuttora prigionieri), a sostenere (senza chiedere niente al popolo Italiano e senza averne il mandato) il riconoscimento alla Palestina di “Stato non membro osservatore” all’ONU e a invitare gli emiri a venire adesso a fare shopping di ricchezze e imprese Italiane “perché adesso costiamo poco, anzi, veniamo via quasi a niente”.

    Report

    Rispondi

  • ilsaturato

    15 Dicembre 2012 - 14:02

    E come poteva essere altrimenti? D’altronde sono solo “tecnici burocrati” non è che si poteva pretendere che si ricordassero come si fanno le operazioni semplici (tipo 2+2=4 e 2-2=0)! Loro viaggiano ad altri livelli; se non possono fare equazioni di secondo grado, irrazionali, parametriche, logaritmiche… non ci si mettono neanche. E poi, sono stati “messi lì” con un “golpe bianco” da una pletora di mandanti (sinistre nostrane con Re Giorgio in testa, magistratura, speculatori internazionali, banche d’affari, Germania, Francia, ecc…) che hanno dettato l’agenda dei lavori ognuno per il suo interesse ma dove il comune denominatore (buono per tutti i mandanti) era di mettere in ginocchio e portare al fallimeto-paralisi l’Italia in modo da renderla conquistabile a Bersanov e Kompagni e comprabile a prezzi di saldo a tutti gli altri. Ci sono stati imposti come “quelli che possono fare quello che i governi fatti dai partiti non possono-non-hanno-saputo-fare” e infatti….

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog