Cerca

Ipoteca sul futuro

Fiscal compact, grazie alla Merkel ci aspettano manovre da 40 miliardi

Il patto voluto da Berlino per abbassare il debito degli Stati Ue è una sentenza: chiunque vinca, non potrà ridurre le tasse

Fiscal compact, grazie alla Merkel ci aspettano manovre da 40 miliardi

 

di Ugo Bertone

Il tema è incredibilmente estraneo alla surreale campagna elettorale cui stiamo assistendo, eppure di fronte ad esso il resto sono chiacchiere da contorno: il Fiscal compact entrato in vigore ieri diventerà una tassa che ci siamo impegnati a versare per ridurre il nostro rapporto debito/Pil. Una sberla che, dal 2014, varrà circa 40 miliardi di euro: cifre vicine alla famosa manovra Amato del ’92, e che ci toccherà, salvo modifiche o rinegoziazioni, ogni benedetto anno. 

Non tutto è ancora fiscalmente perduto: pur di venire incontro ai diktat della signora Merkel l’Europa ha infatti inventato la Costituzione del gambero. Prima la norma «volontaria»,  poi, entro cinque anni, si cercherà di inserire l’accordo nella carta costitutiva dell’Unione Europea.  Già, come ci ricorda autorevolmente il professor Giuseppe Guarino, il Patto di Stabilità che fissa l’obiettivo del pareggio di bilancio non è parte integrante del Trattato dell’Unione Europea. Al contrario, la carta fondamentale della Comunità, sottoscritta da tutti i 27 Paesi che aderiscono alla Ue, Gran Bretagna e Bulgaria comprese (contrarie al Patto)  resta il Trattato di Lisbona del 2009 che recepisce il trattato di Maastricht: l’aver imposto l’obbligo del deficit zero è una forzatura rispetto alla lettera e allo spirito della Costituzione. Problema che non è certo sfuggito ai fautori dell’austerità alla tedesca. Non a caso, per dare al patto di Stabilità il necessario rango giuridico, si è  ribadito «l’obiettivo»  di incorporare il nuovo trattato nella vigente legislazione europea.    

 

Leggi l'articolo integrale di Ugo Bertone
su Libero in edicola oggi, mercoledì 2 gennaio

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ectosilver

    02 Gennaio 2013 - 15:03

    Essendo ormai alla frutta , la nostra cricca dirigente italiana dei poteri forti, ha deciso di eleggere in modo oligarchico ,la versione 2013 dell'uomo della provvidenza,che incarna tutte le virtu del moderno conducator , ovvero linguaggio forbito atteggiamento moderato , appartenenza ad una classe sociale agiata e privilegiata ma tuttavia aperta e democratica nei confronti dei plebei salvo poi agire in nome e per conto dei suoi mandanti, senza nessuna misericordia per pensionati e lavoratori vari. Il tutto con la benedizione del Vaticano ,il quale ringrazia per i privilegi medievali di cui potra' continuare a godere, in questa Italia da operetta.

    Report

    Rispondi

  • SOSnotizievere

    02 Gennaio 2013 - 14:02

    Maggiori Responsabili del Debito Pubblico italiano: 1 -Governi Berlusconi – LEGA : + 547 M I L I A R D I Governi Berlusconi-Lega 2011-2011 - fatturato delle mafie +70% - corruzione +40 % - evasione fiscale + 20 % (nonostante fosse già alle stelle) - 34 leggi ad-personam - 15 leggi salva-ladri (in alcuni casi con l'appoggio della pseudo-opposizione) - intimidazione della magistratura e insabbiamento dei processi per corruzione/concussione - condoni edilizi e fiscali per i loro amici ed elettori - abuso di potere continuo e sistematico sul sistema radio-telesivivo per 20 anni, (senza eguali in occidente cfr Freedom House sull'Italia) - salvataggio dall'arresto di ladri e mafiosi in Parlamento - Salvataggio della CrediEuroNord, la "banca" padana, con soldi pubblici - Aumento delle tasse (3 volte dell'accise sulla benzina solo nel 2011) e/o spostamento delle suddette alle regioni/comuni)

    Report

    Rispondi

  • Gancherro

    02 Gennaio 2013 - 14:02

    Nonostante che i postatori più intelligenti continuino a dichiararti "scemo", tu continui a scrivere idiozie. Ma vedi di andare a postare nei giornali a te contigui, tipo "la gazzetta dell'idiota" - "La repubblica dei coglioni" - L'unità de lobotomizzati".

    Report

    Rispondi

  • Gancherro

    02 Gennaio 2013 - 14:02

    Ed ecco il solito coglione che se ne esce con la solita tiritera sul Cav. Nel suo miserabile microcefalo gli hanno markiato a fuoco il nome del nemico! scemo!! Sta in tema ogni tanto,

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog