Cerca

Il soccorso delle banche

Sorgenia, in arrivo 600 milioni: salvati i De Benedetti

Sorgenia, in arrivo 600 milioni: salvati i De Benedetti

Le banche lanciano un salvagente da seicento milioni per salvare Sorgenia, la società elettrica che, attraverso Cir fa capo alla famiglia De Benedetti: quattrocento milioni sotto forma di aumento di capitale e altri duecento come obbligazioni convertibili. È questo il costo che i ventidue creditori dovranno accollarsi per tirare fuori dai guai la società elettrica e, di riflesso, l’intero gruppo guidato da Rodolfo, il figlio dell’Ingegnere, e da Monica Mondardini. Non è nemmeno da escludere che la fatica della trattativa abbia incrinato i rapporti interni visto che, secondo le indiscrezioni riportate dal Corriere della Sera, la Mondardini sarebbe entrata nel vortice delle nomine pubbliche. Viene indicata per il vertice di Poste Italiane. Concorre con Francesco Caio, anch’egli con un passato nel gruppo dell’Ingegnere: è stato sostanzialmente l’ultimo amministratore delegato di Olivetti e poi ha guidato Omnitel.


Il piano delle banche per Sorgenia è stato sintetizzato in una lettera che partirà nelle prossime ore. Manca solo la firma di Banca Marche. Un ritardo dovuto forse al fatto che, date le condizioni di sostanziale insolvenza dell’istituto, non c’è nessuno che voglia assumersi la responsabilità di una firma tanto impegnativa.

Tanto più che per le banche non è proprio un’operazione semplicissima da digerire. Non a caso il dossier è finito sui tavoli più alti: Fabrizio Viola (Mps), Gaetano Miccichè (Intesa Sanpaolo), Federico Ghizzoni e Alessandro Decio (Unicredit), Victor Massiah (Ubi), Giuseppe Castagna (Bpm), Pierfrancesco Saviotti (Banco Popolare). L’ultimo vertice si è svolto due giorni fa senza risultati. Le banche hanno deciso di andare avanti da sole. Secondo il piano l’azionariato di Sorgenia avrà questa composizione: Mps al 22%, Ubi 18%, Banco Popolare l’11,5%, Intesa il 9,8%, Unicredit il 9,7% e Bpm il 9 per cento. Complessivamente l’80% del capitale che metterà la Cir ai margini della governance. La perdita del controllo è compensata dal fatto che, in questa maniera la dinastia si toglie dai guai. Tanto più che alle banche non viene certo ceduto un gioiello. Sorgenia ha debiti per 1,9 miliardi e deve anche fronteggiare il problema della centrale di Vado Ligure di cui è azionista al 39% (il 50% fa capo ai francesi di Gaz de France). L’impianto è sotto sequestro per disastro ambientale. La scelta di cedere la patata elettrica alle banche se da una parte evita guai molto gravi, dall’altra non sarà priva di conseguenze. Facile immaginare che, da ora in avanti i rapporti di Rodolfo De Benedetti con il sistema bancario saranno piuttosto complessi. Sorgenia, per esempio, aveva ottenuto un extra-fido di seicento milioni. Tutto lascia pensare che da ora in avanti, le altre società del gruppo smetteranno di avere un trattamento di favore. Tanto più che le banche, sempre oculate nei confronti delle imprese minori, sono state veramente generose verso la famiglia dell’Ingegnere.

Per non farsi estromettere Rodolfo aveva tentato un ultimo rilancio: metteva sul piatto 100 milioni e chiedeva alle banche di partecipare per altri 190. Voleva però la gestione e il privilegio sui futuri dividendi. La proposta è stata respinta. Sorgenia andrà avanti con la protezione dell’articolo 182bis, lo scudo che mette al riparo dai creditori. La gestione resta affidata all’attuale ceo Andrea Mangoni. A lui il compito di trovare una soluzione.

di Nino Sunseri

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • afadri

    30 Novembre 2014 - 21:09

    Ditemi voi se un tipo come de Benedetti possa essere considerato un imprenditore.!!

    Report

    Rispondi

  • jacaree1

    10 Aprile 2014 - 12:12

    tutto sommato è stato un bene che il cavaliere gli abbia sfilato la mondadori, oggi sarebbe fallita anche quella se fosse rimasta in mano sua

    Report

    Rispondi

  • Tony69

    07 Aprile 2014 - 17:05

    De Benedetti visto che lei ha la cittadinanza svizzera e lì è stata legalizzata perchè non ricorre all'eutanasia e si leva dai cocomeri così eviterà di fare altri danni in Italia. La ringrazio fin d'ora se dovesse accettare il consiglio.

    Report

    Rispondi

  • deltabravo

    07 Aprile 2014 - 15:03

    Io De Benedetti vi benedico con i miei fallimenti economici io sono il numero 1 e solo io faccio ciò che voglio essendo la mia sinistra ciò che la vostra destra non può sapere il fallo del destino italico mentre in terra svizzera porto tutti i miei e altri guadagni italici alla faccia dei pirla di n oi italiani

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog