Cerca

Come ci fregano

Taglio Irpef, ecco tutte le tasse nascoste nel decreto

Taglio Irpef, ecco tutte le tasse nascoste nel decreto

Magia, ecco gli 80 euro in busta paga (almeno fino alla fine dell'anno e, si ribadisce, non per tutti, soprattutto non per gli incapienti e per le partite Iva, almeno per ora). Ma la magia di Matteo Renzi ha un trucco. Un odioso trucco: le tasse. Infatti nelle pieghe del provvedimento con cui è stato disposto il taglio Irpef spuntano una serie di prelievi "nascosti", ai quali insomma la stampa adorante e le televisioni innamorate dell'uomo da Pontassieve non hanno dato importanza. Una serie di balzelli di cui Libero ha dato conto negli ultimi giorni e che vengono riassunti con efficacia da Il sole 24 Ore.

Le imprese - Le tasse riguardano un po' tutti: imprese, famiglie, risparmiatori, banche. Si inizia dalle aziende che hanno già rivalutato i loro asset, e che ora si trovano a dover versare 600 milioni di euro entro giugno in un unico provvedimento. Si tratta della rivalutazione dei beni, una vera beffa contenuta in un comma della legge spuntato all'ultimo minuto: la rivalutazione è al 12% se il bene non è ammortizzabile e al 16% se ammortizzabile. La novità è che l'imposta dovuta allo Stato dovrà essere versata entro metà giugno. Viene così cancellato con un tratto di penna il pagamento in tre rate annuali di pari importo che erano state inizialmente previste nella legge di Stabilità.

Le famiglie - Dunque si passa alla stangata sulle famiglie, che sta nel maxi-prelievo sulle rendite finanziarie al 26% (che arriva al 35-36% considerando tutti i balzelli "periferici" sulle rendite). Una stangata che non risparmierà neppure gli interessi sui depoisiti e sui conti correnti, che vedranno il regime impositivo schizzare anche in questo caso al 26 per cento. Il prelievo sul conto in banca scatterà dal primo luglio. Il rincaro è pesantissimo: si ritorna a sfiorare il 27% che era stato abbassato dal governo Berlusconi, quando decise di rimodulare la tassa al 20 per cento.

Le banche - La terza tassa "nascosta" è quella che colpirà le banche, chiamate a versare entro metà giugno in un'unica soluzione più del doppio di quanto inizialmente stabilito dalla legge di stabilità per la rivalutazione delle quote detenute da Bankitalia. L'imposta schizza dal 12 al 26%, e dovrebbe assicurare all'Erario entro la metà di giugno 1,8 miliardi di euro. Un'operazione che per quanto possa apparire popolare - per una volta, pagano le banche (dopo il regalo ricevuto col decreto Imu-Bankitalia che disponeva la rivalutazione) - comporta alcuni rischi. Gli istituti, infatti, non hanno perso tempo e hanno fatto sapere che a causa del maxi-prelievo le possibilità che famiglie e imprese riescano ad ottenere dei prestiti si riducono ulteriormente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    25 Aprile 2014 - 06:06

    80 Euro in busta paga.Vale a dire te le do con una mano e con le altre me li riprendo con gli interessi.Come il cane a 6 zampe che si brucia il culo da solo.E questi sono i buffoni che ci governano.Stronzi noi CHE li votiamo ancora.Non lamentiamoci più.Ogni popolo ha il governo che si merIta.

    Report

    Rispondi

  • mrcinquantatre

    23 Aprile 2014 - 18:06

    ma quando ci sarà un pizzico di serietà nei governanti.

    Report

    Rispondi

  • encol

    23 Aprile 2014 - 14:02

    I"Mitici" 80 Euro hanno scavalcato le Alpi e sono ora oggetto di sollazzo per i nostri vicini. Reclamizzati allo spasimo fino allo sfinimento per trasformare una miseria vergognosa nella panacea di tutti i problemi degli italiani. Renzi & Padoan non hanno neppure il senso della indecenza. Mettono la miseria di 80 Euro nelle stesse tasche dalle quali le hanno prelevate- CHE SCHIFO!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • up

    21 Aprile 2014 - 12:12

    Sei solo un buffone, ci aumenti 80 € e ce ne porti via chissà quanti. Ti fai bello e tante promesse a nostre spese! Che bravo, rallegramenti! Forse adesso vorresti anche dei voti, scordateli! Fanfarone!

    Report

    Rispondi

    • cesare46

      21 Aprile 2014 - 16:04

      A mio parere questo Renzi che i suoi concittadini chiamano "CHIACCHIERINO" e io aggiungo "GIULLARE DI STATO" , se continua così prende pure le botte, ma tante ne prenderà, dal popolo stanco delle prese per il lato B

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog