Cerca

La mossa

Bce, cosa vuol dire farsi commissariare da Mario Draghi: le conseguenze per l'Italia

Bce, cosa vuol dire farsi commissariare da Mario Draghi: le conseguenze per l'Italia

Giù la spesa o via le detrazioni. Altre alternative non ce ne sono. «La revisione della spesa deve essere efficiente anche perché viceversa si andrebbe alla revisione delle agevolazioni e delle detrazioni fiscali per garantire un miglioramento dei conti pubblici di 3 miliardi nel 2015, 7 nel 2016 e 10 nel 2017». Parole di Pier Carlo Padoan, minsitro dell’Economia, ed omissioni del governo. Perchè il 2014 sta finendo e la spending review non porterà più di 1,5 miliardi sui sette previsti. Senza contare che una buona fetta dei tagli del 2015 si sarebbero già dovuti mettere in cantiere. I dati negativi sul Pil finiranno col deprimere le stime sul deficit e soprattutto creeranno nuove tensioni e speculazioni sul nostro debito pubblico. ieri Draghi ha assicurato che i tassi di cambio in Europa resteranno a lungo vicini allo zero, ma le mosse della Federal Reserve spingeranno l’inflazione globale e per noi sarà più difficile mantenere un export più competitivo. Con tali nubi all’orizzonte che cosa dobbiamo aspettarci? Chi metterà le mani nei portafogli degli italiani? E quando?

La Cgia di Mestre ha calcolato ieri che scattando le clausole di salvaguardia previste dal governo Letta partiranno in automatico 30 miliardi di imposte aggiuntive. Di cui verosimilmente 20 andranno sotto la voce di tagli alle detrazioni e l’altra decina di nuove imposte. «In altre parole, a fronte del mancato taglio della spesa, i contribuenti saranno chiamati a sopportare un aggravio fiscale di 3 miliardi di euro già il prossimo anno, a seguito - sostiene la Cgia - della riduzione delle agevolazioni/detrazioni fiscali e all'aumento delle aliquote, mentre i ministeri dovranno razionalizzare la spesa per un importo di 1,44 miliardi di euro». Nel 2016 l’impegno sarà ancora più importante. E nel 2017 e 2018, calcola ancora la Cgia, le risorse già impegnate dal taglio della spesa pubblica ammontano rispettivamente a 11,9 e 11,3 miliardi di euro. In caso contrario l’aumento della tassazione per i cittadini sarà di 10 miliardi di euro nel 2017 e di altri 10 nel 2018. Una buona parte di queste nuove tasse nel progetto del governo assumeranno un aspetto completamente diverso. Il taglio delle detrazioni così come immaginato dal Tesoro conterrà una serie di rimodulazioni «popular». Saranno infatti eliminate sui redditi più alti e nel possibile alzate sulle fasce più basse. In modo da creare un effetto di marketing politico stile bonus 80 euro. che però non avrà effetti concreti. E soprattutto non andrà a impattare su contesti e scenari europeo e globale.

L’Italia non galleggia in una bolla, bensì sarà sempre più legata - come ha detto chiaro e tondo ieri Mario Draghi - alla politica europea. Da un lato i mercati e i fondi hedge torneranno a scommettere allo scoperto sui titoli di Stato italiani con la speranza che la nostra economia peggiori e le loro plusvalenze aumentino. Con l’effetto non trascurabile di uno spread sul bund sempre più sfavorevole. Dall'altra parte proprio perché nessuno teme il fallimento dell’Italia, ma ne prevede il lento declino, i partner europei, per salvaguardare le loro economie dal calo dei consumi italiani, inizieranno il pressing per le riforme.

Anche questo è stato detto chiaramente ieri da Draghi. Per evitare che nuove tasse ammazzino le nostre aziende e gli stipendi dei lavoratori, gli stessi partner Ue - Germania in testa - offriranno tramite il Fmi monetario e oltre istituzioni internazionali un assegno contenente un pacchetto di aiuti. La cifra dei 30 miliardi potrebbe essere verosimile. L’importo eviterebbe nuove tasse e autorizzerebbe i creditori a sedersi al tavolo delle riforme. A quel punto non sarebbe più possibile approcciare le istituzioni estere come dei commissari alla spending review qualunque. A quel punto si aprirà uno scenario simile alla Spagna o alla Grecia. La prima ha accettato di seguire il diktat Ue sulle riforme. La seconda non è stata in grado di getsirlo e ha ceduto in toto la propria sovranità.

di Claudio Antonelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • serafinoscapecchi

    11 Agosto 2014 - 00:12

    Milioni di italiani pensano che senza una severa e drastica politica di restrizione della spesa pubblica l'Italia non esce da questa situazione di recessione globale e d'insolvenza istituzionale. Drastici tagli subito all'apparato pubblico e favorire gli investimenti privati con politica garantista. Ormai ogni ritardo ci pone nell'irreversibile condizione di commissariamento.

    Report

    Rispondi

  • apostrofo

    09 Agosto 2014 - 20:08

    Ma questo è il traguardo della sinistra, da sempre: la miseria. In un paese ricco o benestante devi saper governare, altrimenti passi la mano. In un paese povero o impoverito (abbiamo l'esperienza fatta dai paesi del patto di Varsavia ) è più facile far correre tutti dietro un pezzo di pane, quando c'è. E se qualcuno protesta sono c ... amari. Historia docet !

    Report

    Rispondi

  • progeco

    09 Agosto 2014 - 14:02

    L' unica soluzione per chi non lo avesse ancora recepito, è uscire dall'Europa e dall'euro tornando alla lira. Se sacrifici, come dice Mario Draghi, bisogna fare facciamoli nella maniera giusta.

    Report

    Rispondi

  • sandoz

    09 Agosto 2014 - 14:02

    Basterebbe tenere la schiena dritta e non flessibile. Sarebbe la BCE e sopportarne le conseguenze. Ma Renzi non ne è il tipo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog