Cerca

Cosa cambia

Lo studio di Commonwealth Bank of Australia: nel 2020 solo portafogli digitali

Lo studio di Commonwealth Bank of Australia: nel 2020 solo portafogli digitali

Addio ai pagamenti in contanti e con le carte. Si volterà pagina nel 2020, quando i portafogli digitali avranno ormai sostituito gli attuali strumenti di pagamento. È quanto afferma la Commonwealth Bank of Australia, in uno studio sulle abitudini dei consumatori che si appoggiano ai dispositivi mobili per fare semplici acquisti, per utilizzare coupon e promozioni e per accedere ai servizi pubblici. Va detto che l'Australia è lontana, ma la profezia può riguardare anche l'Italia. Vediamo cosa sta realmente cambiando nell'ambito dei mobile proximity payments grazie allo standard NFC e cosa accade in Italia

Lo studio - Lo studio australiano, come racconta Quifinanza, prevede che da qui a cinque o sei anni la maggior parte della popolazione avrà totalmente sostituito il proprio borsellino fisico con un portafoglio digitale. Ma intanto l'offerta di SIM abilitate a effettuare pagamenti tramite lo standard NFC sta crescendo rapidamente anche in Italia. L'applicazione della tecnologia NFC cambia profondamente l'esperienza di acquisto e contribuisce ad accelerare ulteriormente il passaggio dalla moneta tradizionale a quella elettronica grazie anche alle previsioni di diffusione degli smartphone: 203 milioni di smartphone NFC worldwide stimate per il 2015, 20 milioni solo in Italia.

I pos - A rendere possibile questa semplificazione delle attività quotidiane è lo standard Near Field Communications (Nfc), che fornisce connettività wireless bidirezionale a corto raggio (fino ad un massimo di 10 cm). Disponendo di uno smartphone NFC e di una App di pagamento, i dati della carta di pagamento (credito, debito o prepagata) vengono memorizzati in un'area sicura della SIM telefonica (Secure Element) che rendono possibile effettuare pagamenti con il proprio smartphone sui POS conctacless. 

La situazione in Italia - E per non perdere il treno, gli istituti finanziari propongono soluzioni sempre nuove. Tra le ultime l'app lanciata proprio dalla Commonwealth Bank che permette di ritirare denaro presso gli sportelli bancomat con il proprio dispositivo mobile attraverso un Pin che viene inviato su quest'ultimo. E in Italia cosa succede? L'offerta di prodotti e iniziative legate a nuovi servizi di e-wallet cresce di giorno in giorno. Tra queste...
Telecom in collaborazione con Intesa Sanpaolo e Visa Europe ha lanciato oggi Tim SmartPay, una carta prepagata abilitata ai pagamenti Nfc su Sim Tim. Poste Italiane ha annunciato l'avvento di una nuova "Super SIM", con la capacità integrata di effettuare pagamenti tramite comunicazioni NFC e l'apposita app di Poste per i gadget mobile. Banca Mediolanum è l'istituto che garantisce la carta prepagata MasterCard su cui appoggiare la transazioni, Vodafone Italia è la compagnia che ha messo a disposizione le sue SIM NFC. UBI Banca ha avviato la sperimentazione di mobile payment fin dallo scorso anno con la carta prepagata Enjoy che attraversco tecnologia NFC permette di effettuare pagamenti con il proprio smartphone in modalità contactless presso gli esercizi commerciali dotati di un pos abilitato.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giovanni4345

    31 Ottobre 2014 - 08:08

    Per Chi sa usare Internet forse e facile usare UNO smartfone ma ci sono Ancora Tante persone Che sono analfabeti che non sanno ne leggere e ne scrivere non Hanno Internet e Neanche uno smartfone le persone anziane piu che altro cosa succedera con queste persone? Non potranno piu fare la spesa oppure un acquisto e molto di piu se uno perde lo smartfone che succede .

    Report

    Rispondi

  • burago426

    29 Ottobre 2014 - 18:06

    ma ce lo vedete quello che va a puttane pagando con lo smartphone!? O l'extracomunitario che staziona tutto il giorno vicino la porta d'ingresso del supermercato che dovrà dotarsi anche lui della macchina che rileva in wireless dallo smartphone del donatore, l'elemosina? hehe

    Report

    Rispondi

  • jackie

    jackie

    29 Ottobre 2014 - 17:05

    La libertà è il contante. Il resto è la follia del regime.

    Report

    Rispondi

    • marcomasiero

      30 Ottobre 2014 - 10:10

      concordo !!! pagherò sempre come VOGLIO IO !!! nessuno Stato può dirmi come pagare cose che compro con soldi guadagnati e non rubati !!!

      Report

      Rispondi

  • jackie

    jackie

    29 Ottobre 2014 - 17:05

    Pagherò sempre in contante le spese di ogni giorno per i prossimi 20 anni.

    Report

    Rispondi

    • Pinkalikoi

      30 Ottobre 2014 - 10:10

      @ jakie; Mirabile proponimento! Ma se le banche non distribuissero più banconote?

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog