Cerca

I conti non tornano

Imu, è caos: cambia in nove Comuni su dieci

Imu, è caos: cambia in nove Comuni su dieci

Da ieri, in attesa della local tax promessa da Matteo Renzi che dovrebbe unificare tutti i tributi territoriali, si è aperta ufficialmente la terza via crucis legata alla nuova Iuc. Dopo Tasi e Tari, è infatti arrivato il turno dell’Imu. Lo scenario, raccontato da Sandro Iacometti su Libero in edicola oggi 30 ottobre 2014, è kafkiano con altre 7.300 delibere comunali che complicano ulteriormente la vita ai contribuenti. La conseguenza, spiega Iacometti, sarà più burocratica che sostanziale visto che la maggior parte dei comuni ha confermato l’aliquota massima già fissata lo scorso anno. In pochi casi, dov’era possibile farlo, l’asticella si è alzata. In altri, sempre molto rari, l’aliquota è addirittura scesa. Ma si tratta di un’impietosa illusione. Quasi sempre, infatti, il decremento è più che compensato dall’aggiunta della Tasi, che insieme all’Imu può far schizzare l’aliquota fino ad un massimo dell’11,4 per mille (compresa la maggiorazione dello 0,8 per mille destinata alle agevolazione). L’entità complessiva del salasso, insomma, non cambia di molto. Ma i sindaci hanno voluto comunque apportare piccole modifiche ai regolamenti, inserire nuove agevolazioni o specifiche deroghe, moltiplicare le aliquote per le varie tipologie catastali, distinguere gli immobili per categorie produttive. Il risultato è che cittadini e professionisti dovranno rimettersi a spulciare ogni singola delibera e districarsi nella nuova giungla di regole per ricalcolare l’imposta da versare. Altri soldi e tempo buttati per il capriccio degli amministratori.

Leggi l'articolo completo di Sandro Iacometti
su Libero in edicola oggi 30 ottobre 2014 
o acquista qui una copia digitale

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    31 Ottobre 2014 - 08:08

    Questa la dimostrazione dell'IMBROGLIO; e...FI che fa : tiene ancora mano al bullo ?? Così facendo farà la fine del partito del sig. "Loden"

    Report

    Rispondi

  • ex finiano

    30 Ottobre 2014 - 13:01

    Snellire la burocrazia.....tagliare le tasse......bla bla bla bla bla bla bla!

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    30 Ottobre 2014 - 12:12

    "Lo scenario,.... è kafkiano con altre 7.300 delibere comunali che complicano ulteriormente la vita ai contribuenti"????? Mica che ognuno di noi è soggetto a quanto succede in altro Comune!!! Forse che Iacometti deve pagare l'IMU in cinquanta Comuni diversi? io, voi, tutti? Il Comune a fianco del mio, ad esempio, ha deciso di non fare pagare un euro

    Report

    Rispondi

    • Bolinastretta

      30 Ottobre 2014 - 15:03

      Bruno osti dimentichi sempre un pezzo... il comune a fianco del tuo avrà deciso di non far pagare un euro in PIU', ma rispetto al salasso imposto già l'anno scorso... magari!

      Report

      Rispondi

      • bruno osti

        30 Ottobre 2014 - 15:03

        testina stretta - da wikipedia: "L'IMU è stata introdotta nell'ambito della legislazione attuativa del federalismo fiscale dal Governo Berlusconi IV con il d.lgs. n. 23 del 14 marzo 2011 (artt. 7, 8 e 9), pubblicato sulla G.U. n. 67 del 23 marzo 2011,che ne stabiliva la vigenza dal 2014". L'anno scorso non c'era. Tu perdi forse il sonno per quanto si pagherà in tutti i Comuni della tua regione?

        Report

        Rispondi

        • Bolinastretta

          30 Ottobre 2014 - 16:04

          Brunetto a me spaace e non posso fare nulla per tua ossessione per berlusconi (che tra l'altro mai ho votato). So solo che pago una tassa sulla casa che durante il suo governo non pagavo. Poi arrivò l'illuminato rettore bocconisno (il primo tra i 3 non eletti dal popolo italiano) innalzò le rendite catastali inginocchiando anche i poveri cristi che sudando una vità si comprarono una casa! PUNTO.

          Report

          Rispondi

    • fausta73

      30 Ottobre 2014 - 12:12

      il comune vicino è sempre più verde.

      Report

      Rispondi

  • seve

    30 Ottobre 2014 - 12:12

    Senti Toscanello pinocchietto parolaio ,comincio ad averne le tasche piene dei tuoi insulsi proclami.Stai perdendo tempo e le aziende continuano a chiudere.Ma non ti accorgi di quello che accade? Fai finta di non vedere?Fai parte anche tu della cricca europea come tu nonno dell'ex PCI. Stai attento che la misura è colma anche se hai una grande fortuna ,che il Popolo Italiano ,non è un Popolo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog