Cerca

La confessione

La verità di un direttore di banca: "Le tecniche per truffare i clienti"

E' una confessione pesantissima quella che un direttore di Banca Etruria, della filiale del centro Italia, fa al quotidiano Repubblica, L'uomo ha chiesto di restare anonimo per evidenti ragioni. Dice che i dipendenti di Banca Etruria “ricevevano premi in soldi” per quante obbligazioni secondarie riuscivano a vendere a settimana. “È iniziata una caccia all’uomo spietata: correntisti (soprattutto anziani) venivano raggiunti in case di cura o ospedali, incontrati casualmente fuori da scuola e invitati ad andare in banca, o chiamati uno ad uno”. Eppure, tutti in banca “sapevamo che quei bond erano un prodotto che avrebbe rovinato solo e soltanto i clienti”. Lui ripete di aver fatto di tutto per salvare i correntisti:  “ho detto a molti dei miei clienti di rivolgersi ad una associazione di consumatori prima che fosse troppo tardi”. Sostiene che non poteva dire la verità perché avrebbe rischiato il posto di lavoro. “Con correntisti e piccole e medie imprese operavamo così: proponevamo le obbligazioni subordinate a tutti dichiarando un rischio zero. A chi invece ci chiedeva un mutuo lo concedevamo maggiorato con l’obbligo di acquistare questi titoli. Oggi le piccole e medie imprese a fronte del mutuo a garanzia con quei titoli hanno perso tutto”. 

Ignoranza dei clienti - Il direttore di filiale dice chiaramente che loro giocavano soprattutto sul fatto che i clienti non capissero nulla di strumenti finanziari.  Nel 95% dei casi - riferisce il direttore al quotidiano - il questionario Mifid “veniva compilato dagli impiegati di banca. Partiamo da un presupposto: i risparmiatori interessati non lo vedevano neanche. Si trattava soprattutto di persone con una scolarità finanziaria pari allo zero a cui noi professionisti del settore eravamo obbligati a spiegare tutto. Invece questo non avveniva. Moltissimi di loro non sapevano neanche cosa stavano firmando”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tontolomeo baschetti

    16 Dicembre 2015 - 15:03

    Come truffare i clienti? I massimi esperti su Libero ....

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    15 Dicembre 2015 - 15:03

    Per questo devono rimborsare i danni i vertici delle banche dissestate e, per mancanza di controllo o peggio, quelli di Bankitalia e Consob.

    Report

    Rispondi

  • bilauri

    15 Dicembre 2015 - 12:12

    Ecco la triste realtà di un paese dove i delinquenti delle banche distruggono intere famiglie nei loro risparmi di una vita e delinquenti del governo si aperti caso a giustificare. Sinceramente capisco chi volesse farsi giustizia e non doversi togliere la vita per disperazione. In un paese civile, non certo l'Italia, questa manda di delinquenti sarebbe in ga relazione con la confisca dei beni, ma siamo in Italia la vergogna della giustizia.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    15 Dicembre 2015 - 12:12

    In Italia si scopre sempre l'acqua fredda. Sono anni che le associazioni dei consumatori denunciano le truffe bancarie, il garante stesso aveva promesso un intervento e ora fate tutti le veginelle (compresi quelli che .."non credono che le banche non abbiano informato...")? Questo paese è a pezzi. I cittadini sono solo animali da sfruttare nn tutelati da nessuno e il primo sfruttatore è lo stato.

    Report

    Rispondi

blog