Cerca

Banche e sinistra

Mps, perquisite le case di Mussari e Vigni

Lo scandalo si allarga. Gli agenti in casa anche dell'ex direttore Antonio Vigni. L'ex capo dell'area legale el banco: "I vertici dell'istituto erano partecipi"

Giuseppe Mussari

Giuseppe Mussari

Lo scandalo Mps si arricchisce di una nuova puntata. La procura senese ha infatti disposto una raffica di perquisizioni, che hanno coinvolto, tra le altre, le abitazioni private dell'ex presidente del Monte Paschi, Giuseppe Missuari, e quella dell'ex direttore dell'istituto, Antonio Vigni.

La lettera - Nel frattempo emergono dettagli sulle operazioni dei derivati operate da Mps. Vigni, ai pm, nell'interrogatorio dello scorso 9 febbraio ha spiegato che "ho custodito la lettera nella mia cassaforte perché Baldassarri mi aveva detto che era un documento delicato. Mi sono sempre fidato di Baldassarri", per il quale la scorsa settimana è stato disposto l'ordine di custodia cautelare. 

La ristrutturazione - Vissari, che al pari di Mussari e di Baldassarri risulta tra gli indagati, ha spiegato che "la ristrutturazione di Alexandria è stata seguita da Baldassarri, il quale mi ha detto che era opportuno sostituire il sottostante di quel veicolo perché legato al mercato americano, in quel periodo particolarmente a rischio".

"Vertici partecipi" - Inoltre, secondo quanto riferito alle toghe dal dg, Fabrizio Viola, che è stato ascoltato lo scorso 30 ottobre, nella cassaforte dell'ex direttore generale del banco sense, Antonio Vigni, "si trovava altra documentazione" oltre a quella relativa all'accordo con Nomura per la ristrutturazione del derivato tossico Alexandria. Raffaele Giovanni Rizzi, ex capo dell'area legale di Mps, ha riferito ai magistrati che "quando si parlava dell'operazione Alexandria, Baldassarri mi faceva intendere che i vertici della banca erano partecipi", nel dettaglio Vigni e Mussari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aresfin

    aresfin

    19 Febbraio 2013 - 18:06

    Ma sapete che il buon Mussari in tasca ha avuto la tessera della FGCI, del PCI, del PDS, dei DS ed ora del PD ?????? Questa è la vera scuola dei dirigenti radical-chic sinistroidi che vorrebbero dirci che loro sono i veri uomini morali senza macchie. Sfido chiunque a credere seriamente all'estraneità della dirigenza nazionale del PD. Tutti falsi, bugiardi ed ipocriti. VERGOGNATEVI!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • klaus37

    19 Febbraio 2013 - 18:06

    Ogni tanto, anche io sento il bisogno di esprimere il mio pensiero. Ma vi sembra normale che per perquisire le abitazioni dei suddetti,(mariuoli patentati) siano trascorse più di 2 settimane ???? Fossero successe dalle nostre parti, avremmo già letto centinaia di intercettazioni compromettenti e, peggio ancora, già tutti in gattabuia ad espiare le loro pene..... Povera Italia !!! Cosa dobbiamo vedere .... Ma costoro, (i sinistri) più rubano e più li votano ???? Saranno tutti figli di Greganti ???

    Report

    Rispondi

  • arwen

    19 Febbraio 2013 - 17:05

    I giudici non saranno stati troppo frettolosi? Potevano aspettare altre 2/3 settimane!

    Report

    Rispondi

  • alvit

    19 Febbraio 2013 - 16:04

    Bersani quando loprendono? Ma dai, non sai che il soccorso rosso arriva sempre in tempo?? Pennati lo hanno forse carcerato?gay1 lo hanno messo al gabbio? Errani è forse dentro? Lusi ci è stato un paio di giorni, Tedesco ha forse le manette? Nessuno di sinistra finisce dentro, solo le scartine. Il primo in assoluto dovrebbe essere baffetto, lui si c'era quando hanno fatto i giochi delle tre carte con i lasciti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog