Cerca

Fate presto

Disoccupazione, tasse, pil: il grido d'allarme degli industriali

L'Italia ha bisogno di un governo, subito: basta perdere tempo

Giorgio Squinizi, leader di Confindustria

 

Un grido d'allarme che è un pugno nello stomaco. Lo lancio il direttore del Sole 24 Ore Roberto Napoletano sulla prima pagina. Il quotidiano di Confindustria tradendo i titoli solitamente "compassati" oggi, venerdì 29 marzo, è in edicola con un titolo a caratteri cubitali: "BASTA GIOCHI" (la parola "basta" è scritta in rosso"). Un elenco infinito di dati drammatici che impongono immediatamente la formazione di un governo. Si parte dal lavoro. "Quasi un giovane su due è senza lavoro, ogni giorno chiudono decine di aziende manifatturiere, l'insieme di prelievi fiscali e contributivi che grava sulle imprese (total tax rate) è arrivato alla cifra-record del 68,3%, il costo delle inefficienze della macchina burocratica su imprese e famiglie è stimata in 73 miliardi l'anno. L'irresponsabilità della classe politica europea combinata con la "farina avariata" cipriota mette a dura prova qualità e freschezza del pane europeo che è il suo risparmio". 

I debiti della Pubblica amminsitrazione Poi i dati drammatici sul rapporto tra debito pubblico e prodotto interno lordo italiano che viaggia verso il 130%. E ancora: "Usciamo da anni di arretramento ma continuiamo a peggiorare in termini di produttività e le previsioni per il 2013 del prodotto interno lordo (pil) sono ancora significativamente negative rispetto a un 2012 addirittura terribile. Si attende lo sblocco dei debiti della Pubblica Amministrazione nei confronti delle imprese dopo che una stupefacente incapacità governativa di ascoltare ha trascinato fino ad oggi una questione che andava risolta almeno sei mesi fa. Sono in gioco decine di miliardi di lavori eseguiti e mai pagati dallo Stato (non incentivi) che potevano immettere nel sistema quel minimo di liquidità necessario per ricostituire almeno un po' di fiducia. La stessa, identica, incapacità di ascoltare ha generato il "mostro" della nuova tassa sui rifiuti, Tares, lasciata marcire in un limbo di irresponsabilità che non promette nulla di buono né per i Comuni, né per i contribuenti, né per il servizio di raccolta nei territori"

L'appello Numeri inquietanti che impongo la formazione di un nuovo governo. Subito. "Basta giochi, per piacere. Questa Italia esige rispetto, attenzione e, soprattutto, merita di essere governata. Lo chiedono i suoi giovani, il mondo della produzione tutto (piccoli, medi e grandi), le famiglie, i tanti, troppi quarantenni/cinquantenni che si ritrovano dalla sera alla mattina senza un lavoro (...). 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    08 Giugno 2013 - 09:09

    Non certo con l'acqua alla gola. Voglio dire che abbiamo consumato piu' del dovuto, non abbiamo pensato che ad amministrare (male) il presente. Ora paghiamo. Ma non solo l'Italia ma tutto il mondo occidentale e, quello che sta nascendo come potenza ne subirà anch'esso le conseguenze perché il suo sviluppo troverà meno acquirenti. L'euforia post-bellica non é stata distribuita in modo che fosse duratura. Il tutto e subito lascia tracce, purtroppo nei meno abbienti in particolare e nei giovani incolpevoli. Non c'é che l'equità , cioé ripartire la ricchezza (o la povertà). L'Italia, poi, da 15 anni si fa dire dall'UE che la ricchezza é mal distribuita : il 20% detiene l'80% della ricchezza. Il passato non tornerà. Prepariamoci. Stara' ai ricchi perdere privilegi troppe volte immeritati.

    Report

    Rispondi

  • mbotawy'

    25 Maggio 2013 - 23:11

    Quale la persona capace di tirare fuori quest'Italia diventata qualcosa che esiste solo su una carta geografica? Un politico non affamato,quindi non ladro,uno che oltre alla politica dimostra di manovrare bene una o piu'delle proprie aziende,che ha rapporti di amicizia con nazioni solide,con idee chiare ,che ha un curriculum di esperienza nel maneggio generale di una nazione come la nostra. Il suo nome lo sapete.E'l' unica chance per l'Italia!

    Report

    Rispondi

  • encol

    17 Aprile 2013 - 11:11

    Il paese messo letteralmente in ginocchio da una banda di idioti, incapaci e mascalzoni che hanno pensato a se stessi e ai poteri forti che li mantengono. FUORI LE PALLE popolo d'Italia basta con questa melina esasperante da 50gg incapace di formare uno straccio di governo e che per 18mesi è stata in balia e vittima di un manipolo di brutta gente senza scrupoli. BASTAaaaaaaaa!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • GIORGIOPEIRE@GMAIL.COM

    GIORGIOPEIRE

    30 Marzo 2013 - 07:07

    Non hanno ancora capito che per rifare l'Italia, ricreare lavoro, fare ripartire tutti i meccanismi, devono diminuire le tasse, nello stesso tempo, combatterebbero l'evasione fiscale. Sono cose molto semplici, perchè non le vogliono attuare?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog