Cerca

Fronte comune

Fiat, Marchionne: "Questo euro non aiuta nessuno. Dobbiamo ripensarlo"

Fiat, Marchionne: "Questo euro non aiuta nessuno. Dobbiamo ripensarlo"

Questo euro non aiuta nessuno. Libero lo scrive da una settimana, Silvio Berlusconi lo ha ribadito nel suo colloquio con il Foglio, e ora lo grida a gran voce anche Sergio Marchionne. La situazione spaventa la Fiat, stretta nella morsa della crisi e di una Europa che non cresce, e che in generale fa tremare mercati e imprese del Vecchio Continente. "Sono rimasto scioccato dalla decisione della Bce di non abbassare i tassi - ha commentato senza troppi giri di parole l'amministratore delegato del Lingotto -. Ho visto le reazioni dell'euro stamattina e trovo il suo valore attuale sproporzionato rispetto alle nostre capacità di competere perché non aiuta l'economia, non aiuta nessuno". Quello del manager Fiat assomiglia a un diktat: "Abbiamo visto il Giappone che si è comportato diversamente, gli americani continuano a facilitare l'espansione del credito nei mercati finanziari e questo serve anche in Europa - ha spiegato Marchionne al suo arrivo al Consiglio Italia-Usa a Venezia-. Dobbiamo ripensare la posizione". Posizione che, per inciso, è condivisa anche dal presidente della Pirelli Marco Tronchetti Provera: "La svalutazione dell'euro deve avvenire, prima o dopo, più prima che dopo". "L'euro è molto sopravvalutato - è entrato nel dettaglio Tronchetti Provera -. Al momento dell'integrazione dell'Unione Europea e dell'avvento della moneta unica il rapporto di cambio con il dollaro era 1,17. Oggi siamo ben al di sopra, la nostra economia è più debole in rapporto a quella americana e quindi dovrebbe essere sotto".


 

 

Marchionne avvisa il governo - L'analisi di Marchionne non si ferma ai "contro" della moneta unica, ma lancia anche un messaggio al governo Letta, che deve avere come priorità assoluta quella "di far lavorare la gente". Pessimista sull'euro, ma "ottimista per l’Italia nel medio-lungo periodo", l'ad non nasconde che "nel breve la situazione è difficile". Marchionne ha poi parlato del ministro dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato: "Mi è piaciuto molto, è una grandissima persona". Ma per quanto riguarda Fiat dal governo il manager si aspetta che "ci facciano lavorare senza ostacoli. Non è molto". Il gruppo, ha sottolineato, ha "preso l'impegno di risanare l'attività industriale della Fiat in questo Paese, finanziando delle attività disegnate per esportare i prodotti italiani in tutto il mondo e lo facciamo con la forza del gruppo anche fuori dall’Italia". "Credo - ha concluso - che questo ci darà la possibilità di ristabilire una base, anche occupazionale, in questo Paese che sia decente". Ma l'orizzonte del Lingotto è giocoforza proiettato all'estero, perché "il mercato interno ha perso il 50% dei volumi in 5 anni". "E' una realtà che è stata dimezzata e questo ha avuto un impatto disastroso non solo sulle società che producono auto, ma su tutta la filiera. Quando non gira la fabbrica ci trasciniamo dietro altri 8 dipendenti dell'indotto". Proprio per questo, "dobbiamo guardare il mondo intero, non limitarci a questo mondo qui". E questo mondo qui, naturalmente, è l'Europa. Con la sua moneta unica sempre più in discussione.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • veneziano49

    22 Settembre 2013 - 20:08

    Altro che Letta,Saccomanni e Monti zerbini della Merkel,del gruppo del Bilderberg e del PD che vede questa Europa come l'Unione Sovietica,il sogno mancato di essere una repubblica socialista di qualcosa se non dell'URSS della Germania. Imprenditori guidateci voi prendete in mano la situazione anche con la forza,senza il vs lavoro questo non viene giù dal cielo e neppure dai cervelli statalisti dei Sindacati e del PD. Fate diventare questo Paese qualcosa di serio.

    Report

    Rispondi

  • encol

    10 Giugno 2013 - 10:10

    Hanno detto benissimo e chi capisce di economia sa perfettamente che il ragionamento non fa una grinza. Certamente questa non è roba da "mortadella". Ho scritto in altri post anche dello scorso anno di guardare con attenzione che cosa ha fatto il Giappone ben tre volte con successo per salvare la propria economia. Ma, da queste parti, si guarda molto più interessati ai propri compensi (tutto denaro rubato) che al bene e benessere dei cittadini.

    Report

    Rispondi

  • rinogioffre

    10 Giugno 2013 - 10:10

    imafu, se il tuo proverbio fosse dettato, veramente, dalla saggezza popolare; tu, saresti nato morto.

    Report

    Rispondi

  • marino43

    08 Giugno 2013 - 12:12

    Come mai il tricotrapiantato non ha attivato quei sistemi di controllo che erano stati creati per controllare che nel passaggio dalla Lira all'Euro facessero il loro dovere? Eppure in cinque anni c'era tutto il tempo!C’erano due strumenti che Ciampi aveva elaborato: le commissioni provinciali di controllo che erano state istituite ma non sono state fatte lavorare, e il doppio prezzo in lire e in euro per sei mesi in modo che la gente si sarebbe potuta difendere da sola. Non ho mai capito perché questi due semplici provvedimenti che Ciampi aveva raccomandato, non siano stati usati dal governo Berlusconi».L’aumento c’è stato e la responsabilità è stata dei governi». Soltanto qualche mese fa l’ex premier Romano Prodi ha ricordato chiaramente quale sia stata la colpa dell’esecutivo all’epoca in carica, con Silvio Berlusconi presidente del Consiglio e Giulio Tremonti ministro dell’Economia. «In soli due paesi - si è verificato questo fenomeno: la Grecia e l’Italia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog