Cerca

Diktat europei

Ecofin, banche: al via il "fallimento ordinato"

L'Ecofin vara il "fallimento ordinato": se un istituto va a picco gli Stati non coprono. Ci pensano azionisti, obbligazionisti e chi ha un deposito

Ecofin, banche: al via il "fallimento ordinato"

Dopo due notti di negoziati i ministri delle finanze dell'Unione europea hanno trovato l'intesa. All'Ecofin si discuteva dell'accordo sul meccanismo di "fallimento ordinato" delle banche. Obiettivo, evitare che a pagare le banche in difficoltà siano gli Stati (si pensi al caso Cipro, che per la crisi ha rischiato il collasso).

Chi paga - Non pagheranno gli Stati ma - anche - i correntisti. Il meccanismo messo a punto è semplice: quando un istituto fallisce a rimetterci saranno in prima battuta gli azionisti, quindi gli obbligazionisti meno assicurati e infine i depositi, fatti salvi quelli sotto i 100mila euro, che sono garantiti da una direttiva europea. Di fatto, i correntisti si troveranno a dover pagare per l'eventuale fallimento di un istituto.

"Buon compromesso" - Secondo il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, "è un buon compromesso nella direzione dell'unione bancaria, contribuisce a spezzare il circolo vizioso tra rischio sovrano e rischio bancario". Così su twitter al termine dell'Ecofin, nel cuore della notte. Saccomanni ha aggiunto che il meccanismo è "un sistema di tutela dei risparmiatori che combina un quadro armonizzato con flessibilità necessaria a tener conto di specificità nazionali". 

Il compromesso - Di fatto, dopo una lunga e serrata trattativa, è stato raggiunto un compromesso tra chi come Francia e Gran Bretagna voleva maggiore flessibilità - ossia la possibilità di scegliere autonomamente a chi far pagare il conto delle banche che falliscono - e chi, come la Germania, voleva regole uguale per tutti. Anche per il ministro francese Pierre Moscovici "l'intesa aumenta la stabilità finanziaria in Europa", mentre secondo l'omologo irlandese, Michael Noonan, l'intesa "ci porta dal bailout al bailin", ossia dal salvataggio da parte degli Stati "alla suddifvisione delle perdite all'interno della banca stessa, tutelando i contribuenti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    29 Giugno 2013 - 10:10

    Non spiega la realtà. Mette solo paura. E aggrava la situazione.

    Report

    Rispondi

  • Fr

    28 Giugno 2013 - 21:09

    Riprova ne è che simili barbarie (il prelievo dei conti correnti) ci sono solamenta all'interno dell'eurozona E BASTA: in nessuna altra parte del mondo avvengono simili sconcezze!!! Basta con questa barbarie, basta con simili sconcezze, basta con questa catastrofe: fuori dall'euro l'Italia rinasce!

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    28 Giugno 2013 - 08:08

    in caso di fallimento , io mi inserisco nel fallimento e spero di essere pagata , quasi mai accade . ora se una banca fallisce di chi è la colpa ? degli azionisti , dei correntisti ? ovvvio , la germania ha deciso per il sì . ma qui stiamo scherzando , oltre ai costi aggiungiamo la presa per le chiappe ? bene mettete i soldi sotto il materasso , tanto lasciarli in banca servono solo a befera .

    Report

    Rispondi

  • allianz

    28 Giugno 2013 - 08:08

    Una certa banca,in combutta con il direttore ed un personaggio di un certo calibro,hanno provocato un buco di 250.000 euro.Poca cosa,spiccioli direi.E la banca che fa?Conta quanti correntisti hanno il conto li dentro...e poi spalmano la cifra sui clienti.Due euro qua,5 la,un aumento dei costi di tenuta conto e in 6 mesi la cifra è azzerata.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog