Cerca

Come Monti

Saccomanni: "Taglieremo la spesa pubblica e non sarà indolore"

Fabrizio Saccomanni

Fabrizio Saccomanni

"La cura sarà dolorosa". Dopo le sprangate fiscali del governo Monti, ora ci tocca l'anatema di Fabrizio Saccomanni. Gli italiani sono già pronti ad un'altra estate di lacrime e sangue. La parola d'ordine anche questa volta è una sola: "tagliare". E sarà ancora bufera come sostiene lo stesso ministro dell'economia in un'intervista al Corriere: "Certo. Ma nessuno s'illuda che vengano fuori spese misteriose da tagliare senza che nessuno protesti. Bisogna scandagliare settore per settore. Insomma non è possibile ridurre la spesa del 10% con un tratto di penna. E ci vuole tempo".

Misure inefficaci -
 Poi Saccomanni fa un bilancio delle misure adottate dal governo e ammette che sono soltanto un antidolorifico che però non debella la malattia: "Gli impegni presi sui pagamenti della Pubblica amministrazione, gli incentivi per le ristrutturazioni, la rata Imu non pagata, il mancato aumento dell'Iva, i fondi per la cassa integrazione in deroga, quelli anticipati alle amministrazioni regionali, lo sblocco dei versamenti per il sisma, l'accelerazione nell'uso dei fondi strutturali, tutti questi interventi compongono una importante manovra di stimolo all'economia realizzata senza aumentare debito, in alcuni casi ricollocando fondi stanziati per altre finalità. Si tratta di una serie di misure-ponte che servono a guadagnare tempo". Il governo dei rinvii ora diventa forse il governo dei ponti. Le misure adotatte sono tutte momentanee e con una prospettiva a termine.

La mano nelle nostre tasche
- Il mancato stop all'Iva sugli acconti è un segnale di un progetto che ha bisogno di coperture e che dovremmo pagarlo noi: "L'operazione costa un miliardo e l'alternativa era procedere subito con tagli di spesa indiscriminati. Si è preferito fare un anticipo degli acconti: può essere considerato un prestito dei contribuenti che a livello individuale ha un peso molto soft comunque compensato con minori versamenti al momento del saldo. Il Parlamento può decidere di cambiare le coperture purché siano certe. Non sarebbe stato credibile per l'Ue promettere a copertura un maggiore gettito futuro dell'Iva".

Imu in alto mare
-  Intanto Saccomanni cerca di tenere a bada i malumori del governo. Soprattutto quelli del Pdl e promette a denti stretti una riforma dell'Imu, ma sembra che il ministro si ancora perplesso sull'abolizione dell'imposta: "Come promesso faremo una cabina di regia coinvolgendo tutte le forze politiche della coalizione e le commissioni parlamentari. Stiamo predisponendo uno scenario di opzioni e ne discuteremo in maniera aperta: il governo vuole trovare larghe intese". E per trovarle Saccomanni deve fare anche lui da "ponte" tra Pd e Pdl e così riserva una stoccata velenosa in salsa tecnica a Renato Brunetta che aveva parlato di un "debito pubblico opaco" di reticenza da parte del Tesoro nel mostrare i conti: "L'Italia ha un grosso debito pubblico ed è obbligata a gestirlo nel modo più trasparente e professionale, dotandosi degli strumenti più adeguati di copertura del rischio. Di tutte le operazioni viene data informazione regolarmente alla Corte dei Conti".(I.S)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • libero7847

    30 Giugno 2013 - 19:07

    A parte l'introduzione di una task force di un controllo sugli acquisti nei dicasteri e negli enti pubblici in generale, BISOGNA eliminare la miriade di enti inutili, alcuni dei quali hanno perso qualsiasi ragione di essere e mettere in CASSA INTEGRAZIONE chi non serve, dirigenti inclusi. Così facendo spenderemo comunque meno di oggi.

    Report

    Rispondi

  • thorglobal

    30 Giugno 2013 - 16:04

    Certo. Eliminazione con effetto immediato di 750 tra deputati e senatori. Vedi rapporto abitanti USA e ITAlia.Eliminazione totale delle province.Sono anni che ne parlano,nessuno fa nulla.

    Report

    Rispondi

  • gitex

    30 Giugno 2013 - 12:12

    tagliare il PRA che serve a nulla visto che c'é la Motorizzazione, si possono tagliare 30 authorities su 38, si possono tagliare i trasferimenti di soldi alle regioni a Statuto Speciale ecc ecc; c'é cosí da tagliare, basta prendere i libri di Stella-Rizzo per scoprire gli sprechi da tagliare.......

    Report

    Rispondi

  • Joachim

    29 Giugno 2013 - 17:05

    Sempre le solite affermazioni frontali, come se questi personaggi stessero per compiere il ratto delle Sabine. In verità il primo esempio di abbattimento dei costi ovvero quello delnumero dei politici non si è neppure sfiorato. (USA 300 M DI ABITANTI = 423 DEPUTATI E 100 SENATORI -- ITALIA 60m SIAMO SEMPRE ALLO SBARCO DEI 1.000 - EU 10,000 -un esercito di parassiti) Il finanziamento illecito è stato innescato....a quando...sono certo che un'altro escamotage lo posticiperà.....ma questi oscuri personaggi non ricevono una buona busta paga e privilegi congrui atti ad autofinanziare le loro carriere politiche....? Siamo stipati di un esercito di Magistrati e Legislatori che hanno ridotto l'Italia come un paese del 5° mondo e alla catastrofe per la loro lentezza oltre alla ingovernabilità per il loro intervento politico e posizioni di moralistica inettitudine allorchè in Itlia c'è il degrado della morale sulle strade e ovunque....MA CIO' NONSTANTE MANTENGONO OTTUSAMNTE IL SENSO DI CASTA

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog