Cerca

La rivoluzione

La Consulta: "Stato pignorabile per pagare i debiti con le imprese"

La sentenza della Consulta che pignora la Pubblica amministrazione: "Versare il denaro ai creditori, o scatta la confisca dei beni"

La Consulta: "Stato pignorabile per pagare i debiti con le imprese"

Una rivoluzione: lo Stato è pignorabile per pagare i debiti con le imprese. E' quanto ha stabilito una sentenza della Corte Costituzionale. Semplice la ratio: la Pubblica amministrazione deve pagare i debiti, proprio come i privati cittadini. Sono così da considerarsi incostituzionali le leggi che attribuiscono privilegi allo Stato, come quelle che proteggono le Aziende sanitarie locali e che dichiaravano impignorabili i loro beni.

Chi trema - I principi sono contenuti nella sentenza della Consulta appena depositata, che boccia le norme che, attraverso decreti ingiuntivi, da tre anni impediscono ai creditori delle Asl di rivalersi in qualche modo. Secondo la Corte i fornitori - aziende mediche, farmaceutiche, cliniche o laboratori di analisi - devono essere pagati, poiché altrimenti rischiano di fallire. Un ragionamento semplice, ma che in Italia non è mai stato scontato. Così, dopo la pronuncia, tremano le Regioni in rosso che assorbono la maggiore fetta del deficit sanitario: Lazio, Campania, Calabria, Abruzzo, Molise, Sicilia, Piemonte e Basilicata. In totale i debiti in sospeso ammontano a 7 miliardi di euro (arrotondando per difetto).

I decreti - La sentenza che riscrive un pezzettino di storia è la numero 186 del 3 luglio, relatore Paolo Maria Napolitano. La pronuncia è chiara, netta: le casse delle Asl possono essere pignorate perché il debitore pubblico non può essere svantaggiato rispetto a quello privato. La Corte Costituzionale ristabilisce l'uguaglianza dei cittadini, anche in questo caso. Di proproga in proroga, infatti, dal 2010 e fino al prossimo 31 dicembre erano state sospese le azioni esecutive nei confronti delle società sanitarie regionali con piano di rientro e commissariate al 31 maggio 2010. L'ultima norma in materia, quella contenuta nel decreto Balduzzi, era andata oltre prevedendo l'estinzione dei pignormaneti ottenuti prima del novembre scorso. La Corte Costituzionale, però, ora fa tabula rasa: tre anni sono troppi per un blocco che doveva durare soltanto 12 mesi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    15 Luglio 2013 - 22:10

    siamo tutti alla frutta. Un giornale sa essere più incisivo di un solo lettore.

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    15 Luglio 2013 - 21:09

    mandando in galera i funzionari che non hanno lavorato per il bene comune pignorando i loro averi.

    Report

    Rispondi

  • Lucifer

    15 Luglio 2013 - 12:12

    Che i beni cd. privati della P.A. (cioè quei beni non soggetti a vincoli di destinazione pubblicistica) fossero pignorabili, non necessitava una sentenza della Consulta per stabilirlo e parlare di rivoluzione a tal riguardo è sinceramente offensivo. Senza vergogna è invece il fatto che la cosa debba essere ribadita per sentenza. Auguri e figli gay.......

    Report

    Rispondi

  • acstar

    15 Luglio 2013 - 11:11

    A me la Sanità non ha ancora pagato il dovuto e mi ha fatto chiudere! Tutti a casa ed io faccio il dipendente! Se avessi potuto pignorare qualcosa a questi porcelli, magari avrei venduto io qualche bene pubblico e per giunta, inutilizzato! E' da tempo che lo scrivo: che ridere scrive "arwen".....si lo sappiamo che lo stato siamo noi ma da 40 anni a questa parte sono quei coglioni che ci abbiamo mandato che, tradendoci, si sono intascate le stecche, imposteci per lavorare! E quindi, i parenti fino alla 4 generazione dei ladri suddetti, dovrebbero, PER LEGGE, ripianare loro il DEBITO PUBBLICO tramite pignoramenti diretti! Questi suddetti, a cominciare dagli Assessori Comunali, tutti, compresi i vari dirigentucoli di Enti pseudo privati ma partecipati, a qualunque titolo o diretti, da qualcosa di statale o assimilabili, si dovrebbero "ripartire" tutto il debito che hanno fatto! Ma quando capiranno di SPENDERE solo DOPO aver incassato ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog