Cerca

Nel mirino

Agenzia delle Entrate, il redditometro entra anche nel nostro 730

L'agenzia delle Entrate ha stabilito che il lo strumento di controllo entrerà a far parte del modello per la dichiarazione dei redditi

Agenzia delle Entrate, il redditometro entra anche nel nostro 730
Il fisco ci farà i conti in tasca già col 730 del 2014. L'agenzia delle Entrate ha stabilito che il redditometro entrerà a far parte del modello 730 per la dichiarazione dei redditi. Secondo quanto racconta Qui Finanza il 730 e le dichiarazioni dei redditi 2014 conterranno, infatti, l'informativa sul possibile utilizzo dei dati per la versione 2.0 dello strumento di accertamento. Era una delle richieste a cui il Garante della privacy aveva chiesto di adeguarsi, e l'agenzia delle Entrate l'ha accolta. L'informativa sul trattamento dei dati personali ricorda che il nuovo redditometro, che ricostruisce l'effettiva capacità contributiva in base alle spese sostenute nell'anno, si applica a partire dal periodo d'imposta 2009, e cioè vale per le dichiarazioni dei redditi presentate nel 2010, e per l’attività accertativa saranno utilizzati i dati personali presenti in Anagrafe Tributaria e ottenuti tramite scambi di informazioni con altre autorità pubbliche e soggetti privati conformemente alla legge. Insomma il fisco non perde tempo e comincerà a spiare le nostre spese già con la dichiarazione dei redditi del 2014.

Non serve il consenso - Ma nonostante venga violata la privacy dei contribuenti l'Agenzia dell'Entrate sottolinea che per indagare sulle nostre spese non c'è bisogno del consenso di chi dichiara il proprio reddito. Le istruzioni chiariscono anche che ‘l'Agenzia delle Entrate, in quanto soggetto pubblico, non ha alcun obbligo di acquisire il consenso degli interessati per poter trattare i loro dati personali". I dati saranno utilizzati sia per finalità di semplice accertamento, sia per l'eventuale successiva lite tributaria con il Fisco. 

Il controllo - Per quanto riguarda le modalità di controllo, l'Agenzia chiarisce che "procede alla ricostruzione del reddito di ciascun contribuente, mettendo a confronto il reddito dichiarato con le spese certe effettuate nell'anno (per esempio acquisti di beni immobili, di mezzi di trasporto, spese indicate nelle dichiarazioni per usufruire di deduzioni o detrazioni d'imposta e altre spese per beni e servizi) o ricavate dagli elementi certi (per esempio possesso di beni quali gli immobili, gli autoveicoli, le imbarcazioni, gli aerei, i cavalli)". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • portici

    portici

    26 Ottobre 2014 - 12:12

    Ma siamo arrivati alla persecuzione fiscale. Ma le voci della dichiarazione non fanno parte delle centoventi e più banche dati già in possesso della Agenzia? Se è così occorre ""ricoverare in una casa di rilassamento per non dire altro e

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    14 Marzo 2014 - 10:10

    Attilio Befera guida da molto tempo la classifica dei peggiori bastardi che infestano lo Stato, nel caso specifico per quanto riguarda il Fisco, che strangola i contribuenti. Perché si continua a concedere ad una persona come ha dimostrato di essere questo spregevole individuo un ruolo onnipotente? Spregevole per l'atteggiamento sadico di cui si compiace, una perversione, e non è cosa da poco.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    12 Marzo 2014 - 11:11

    Ed ecco l'ennesima truffa all'italiana, dove la povera gente dovrà fare salti di scimmia per giustificare qualsiasi spesa mentre gente come De Benedetti che sappiamo tutti a spalle di chi vive potrà godersela avanti senza problemi. Poi abbiamo notato come certe persone a Roma hanno 1200 appartamenti anche affittati al comune ma non hanno mai pagato ICI IMU ecc... Qui ci vuole un terremoto.

    Report

    Rispondi

  • puntocomando

    18 Gennaio 2014 - 09:09

    il modello 730 è la dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgano dell'assistenza fiscale,ciò vuol dire per esempio che a un pensionato viene applicato il redditometro che ricostruisce l'effettiva capacità contributiva in base alle spese effettuate.ragazzi son cazzi,perchè questi qui delle agenzie delle entrate non sono in grado di ricostruire il nostro reddito e chideranno a noi di ricostruiglierlo,con delle belle letterine mandate per posta.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog