Cerca

Italia, debito record e il sommerso è il 17% del Pil

Cifre pubblicate da Bankitalia e Istat. Mercato nero e fatture non dichiarate per evadere il sistema fiscale

Italia, debito record e il sommerso è il 17% del Pil
Il debito pubblico italiano raggiunge il suo nuovo picco a quota 1.827 miliardi di euro. Il dato di maggio (in aumento di 15 miliardi rispetto al mese precedente) reso pubblico nel bollettino statistico di Bankitalia è il più alto di sempre in terminia assoluti. Dall'inizio del 2010 il valore è in continua ascesa con un aumento di 65,8 miliardi.

Ma c'è di più. Sembra che buona parte della ricchezza italiana sfugga agli occhi del Fisco. Nel 2008 il valore aggiunto prodotto nell'area del sommerso economico è compreso tra un minimo di 255 e un massimo 275miliardi di euro. A rilevarlo è l'Istat che ha sottolineato che il peso dell'economia sommersa è compreso tra il 16,3% e il 17,5% del Pil, mentre nel 2000 era compreso tra il 18,2% e 19,1. Tra il 2000 e il 2008, dunque, l'ammontare del valore aggiunto sommerso registra una tendenziale flessione, pur mostrando degli andamenti alterni. La quota del sommerso economico sul Pil ha raggiunto il picco più alto nel 2001, con il 19,7%, per poi decrescere fino al 2007, con il 17,2% e mostrare qualche segnale di ripresa nel 2008, con un 17,5%.

E diversi sono i "metodi" con cui si applicano i comportamenti fraudolenti degli operatori economici per tentare di evadere il sistema fiscale e contributivo. Al primo posto- secondo le indagini Istat, l'impiego del lavoro non regolare, un fenomeno "strettamente connesso al mancato versamento dei contributi sociali". Nel 2008, erano circa 2milioni e 958mila le unità di lavoro non regolari. Questa componente- che corrisponde all'11,9% dell'input di lavoro complessivo nel 2008, ha raggiunto il 12,2% dell'anno 2009. Un'altra parte rilevante del fenomeno dell'economia sommersa "è costituita dalla sottodichiarazione del fatturato e dal rigonfiamento dei costi impiegati nel processo di produzione del reddito". E nel 2008 l'incidenza del valore aggiunto non dichiarato, dovuto alle suddette componenti, ha raggiunto il 9,8% del Pil.

A livello settoriale - ha ancora aggiunto l'istituto di statistica - l'evasione fiscale e contributiva è più diffusa nei settori dell'agricoltura e dei servizi, ma è rilevante anche nell'industria. Se si considera la sola economia di mercato, senza considerare, cioè, il valore aggiunto prodotto dai servizi non market forniti dalle amministrazioni pubbliche, il sommerso nel 2008 rappresenta il 20,6% del Pil, contro il 17,5% calcolato per l'intera economia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Joe1957

    14 Luglio 2010 - 10:10

    Se abbiamo 1.9Mld di debito pubblico è perchè abbiamo speso 1.9Mld in più di quello che ci potevamo permettere. Qui non conta il sommerso o l'evasione, ma solo lo spreco e la malgestione dello Stato. Il crimine è AVER SPESO PIÙ DI QUANTO ENTRA. Quindi, il cercare risorse con la guerra all'evasione è una ipocrisia di cui ci riempiamo la bocca e le pagine dei giornali. Può servire a coprire alcune spese, ma lo spreco è il male del nostro Paese. È contro lo spreco che dovremmo innazitutto combattere.

    Report

    Rispondi

  • valeria78

    14 Luglio 2010 - 10:10

    6 UN GENIO!!! come tutti quelli che votano PAPI ovviamente...

    Report

    Rispondi

  • valeria78

    14 Luglio 2010 - 10:10

    COMPLIMENTI BERLUSCONI IN 15 ANNI SEI RIUSCITO A PORTARCI IN ROVINA....

    Report

    Rispondi

  • rosastella

    14 Luglio 2010 - 09:09

    ULTIMA SPERANZA, FATTI CONCRETI????????????????????. UN ANNETTO DI ZIO BENITO, RITORNA RITORNA, O BELLA CIAO CIAO CIAO

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog