Cerca

Grande fratello

Fisco, vi spieranno anche il telefono

L'erario entra negli apparecchi domestici: vuole sapere quanto spendete

Gli operatori dovranno comunicare all'Agenzia delle Entrate tutti i dati sulle utenze telefoniche
spia

Il grande fratello fiscale entra nei telefoni

Il fisco entra anche nei telefoni domestici. In pratica gli operatori dovranno comunicare all'Agenzia delle Entrate tutti i dati sulle utenze telefoniche relative all'area business, quelle domestiche e quelle a uso pubblico. Il provvedimento emesso giovedì 19 aprile dal direttore dell'Agenzia delle Entrate Attilio Befera dà le istruzioni per inviare al fisco le informazioni sui servizi di telefonia fissa, mobile e satellitare relativi alle utenze in atto, ai consumi fatturati e al credito acquistato. Per trasmettere le informazioni gli operatori avranno tempo fino al 30 settembre. "I dati finora richiesti - si legge nel provvedimento- erano riferiti solo all'area business ora vengono comprese anche le utenze domestiche". Per quanto riguarda il credito telefonicosi intende quello acquistato nel corso dell'anno". Il Grande Fratello fiscale che ci ha portato in dote il governo di Mario Monti si allarga di giorno in giorno: tra pochi mesi lo Stato saprà anche quanto spendiamo per le nostre telefonate. L'erario diventa sempre più opprimente.

Tutti sotto controllo - "Per le utenze telefoniche i dati finora richiesti - si spiega nel provvedimento - erano riferiti solo all’area business, con il provvedimento, in analogia con le altre utenze, vengono comprese anche le utenze domestiche. Per completezza d’informazione, in merito alla telefonia mobile diviene oggetto di comunicazione il credito telefonico acquistato nel corso dell’anno". Secondo il fisco non dovrebbero esserci problemi legati alla privacy dei contribuenti. "I dati e le notizie, che pervengono all’anagrafe tributaria - spiegano dall’Agenzia - sono raccolti e ordinati su scala nazionale al fine della valutazione della capacità contributiva, nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali dei contribuenti". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    20 Aprile 2012 - 15:03

    a tutti i dipendenti statali. Quindi instituire un fondo di solidarieta' coi soldi ricavati dal dimezzamento secco dello stipendio da evolvere ai privati che hanno pagato le tasse per mantenerli. Inoltre tutti i dipendenti statali in pensione devono subito tornare nei ranghi e lavorare in opere socialmente utili (pulire le strade che fanno schifo per esempio), mandarli in gruppi a pulire le coste per il turismo. Quanto risparmiamo se dimezziamo gli stipendi di tutti i parassiti statali?

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    20 Aprile 2012 - 14:02

    stanno già studiando l' applicazione del merdometro. Più mangi e più elimini. E quindi sei ricco e devi essere tassato adeguatamente.

    Report

    Rispondi

  • silvano45

    20 Aprile 2012 - 14:02

    questi santoni manager del nulla dove è stato sino af ora questo incapace che guadagna 5 volte obama? perchè non si sono mai accorti degli acquisti dei parenti di lusi del sig tulliani dei penati etc tec ha ragione grillo anche per questo signore e compani ci vorra una norinberga io sono favorevole... e poi ci hanno rotto con evasione lo dice un pensionato taglino taglino taglino le loro spese.....

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    20 Aprile 2012 - 14:02

    Mauro ho scritto veramente c'erto con l'apostrofo? Cazzo,c'erto che essere corretto da uno che sa sillabare quattro parole e che l'ermetismo crede che sia un attacco di stitichezza è veramente deplorevole!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog