Cerca

Ritorno agli anni '20

Ventenne nera bruciata viva dal Ku Klux Klan

Responsabili dell'agguato tre militanti dell'organizzazione per la supremazia della razza bianca. La firma KKK sull'auto della vittima

La vittima è ricoverata in gravissime condizioni: ha ustioni di terzo grado sul 60 per cento del corpo
Ventenne nera bruciata viva dal Ku Klux Klan

 

E' in gravissime condizioni la ventenne di colore arsa viva da militanti del Ku Klux Klan a Winnsboro, in Louisiana. La ragazza è stata avvicinata domenica sera da tre uomini incappucciati, che l'hanno cosparsa di liquido infiammabile e dato fuoco. Shamreka Moffit, questo il suo nome, è riuscita a chiamare i soccorsi ed  è ora ricoverata in un ospedale locale con ustioni di terzo grado su oltre il 60 per cento del corpo. Gli attentatori hanno firmato con la sigla "KKK" sulla macchina della ragazza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • zydeco

    23 Ottobre 2012 - 18:06

    Il fatto e' avvenuto nel nord dello stato di Louisiana. La locale comunita' e' 66% nera e 34% di altre etnie. Sono moltissimi anni che vivo e voto in Louisiana. Questo e' certamente un fatto increscioso. Devo dire pero' che in uno stato con una grandissima comunita' negra, gli atti di razzismo, almeno negli ultimi 20/30 anni sono stati, per fortuna, davvero pochissimi. Per par condicio, desidererei che ogni tanto venisse dato rilievo al razzismo e dicriminazioni nei confronti dei bianchi. Anche quelli, per fortuna, pochi. Qui si vive una vita serena.

    Report

    Rispondi

blog