Cerca

Sesso & business

Mette all'asta la verginità:
600 mila euro da un giapponese

Una studentessa brasiliana ha messo in vendita sul web la "sua prima volta" per pagarsi gli studi

Un sito australiano ha messo all'asta anche la verginità di un 21enne russo, Aleksandr, ma in questo caso sono bastati 3.000 dollari (2.300 euro) a far vincere a una signora brasiliana la notte di sesso con un giovane illibato
Mette all'asta la verginità:
600 mila euro da un giapponese

 

Quale è il prezzo della propria verginità? Catarina Migliorini non ha dubbi: la sua vale 780.000 dollari, ovvero circa 600.000 euro. Una bella sommetta che le permetterebbe di finanziarsi gli studi in medicina, ma anche di viaggiare e girare un film, oltre ovviamente di non badare più a spese. La studentessa brasiliana, 20 anni, ha così messo all'asta il suo bene più prezioso su un sito australiano (virginswanted.com.au) e alla fine tra i 15 uomini che hanno partecipato ha vinto un giapponese con il quale ha stipulato un vero e proprio contratto nel quale la ventenne si impegna a sottoporsi a un test sulle malattie sessualmente trasmissibili. "Se fai questo una sola volta nella vita, non sei una prostituta», si è giustificata Catarina, "non è che facendo una sola foto diventi un fotografo". L'appuntamento tra la studentessa vergine e il vincitore, un certo Natsu, si svolgerà in un luogo segreto in Australia.  Ma Catarina non è l'unica a vendere la "sua prima volta": il sito australiano ha messo all'asta anche la verginità di un 21enne russo, Aleksandr, ma in questo caso sono bastati 3.000 dollari (2.300 euro) a far vincere a una signora brasiliana la notte di sesso con un giovane illibato.

La singolare iniziativa è stata organizzata da un regista australiano, Jason Sisley, che sta realizzando un documentario e aveva già suscitato un vespaio di critiche, a Sydney e Melbourne, affiggendo dei manifesti con su scritto "cercasi Vergini".  Nel trailer del documentario 'Virgins Wanted’su YouTube, Catarina Migliorini spiega di non aver incontrato la persona giusta con cui fare l’amore. "Sono stata troppo impegnata con altre faccende", racconta. E poi: "E' più normale così che concedersi a uno straniero durante una festa, magari ubriaca".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • direttoreemilio

    26 Ottobre 2012 - 22:10

    E Berlusconi non ha potuto parteciparvi a causa della Boccassini. Ma c´é chi dice che all´asta, si siano visti i soliti, E.Fede, Sgarbi, Belpietro e Sallusti.

    Report

    Rispondi

  • doris

    26 Ottobre 2012 - 09:09

    La verginita none' piu un "valore"(.....e meno male)da tantissimi anni,abbiamo lottato ,lo ripeto sempre, perche le donne possano essere libere di usare il proprio corpo come meglio credono, quindi se l'offerta e' buona ben venga!!!!(l'amore e' un'altra cosa!!voglio dirlo alla giovane...bisogna crederci)

    Report

    Rispondi

  • mircafarolfi

    25 Ottobre 2012 - 20:08

    Se qualche fesso glieli dà buon per lei:

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    25 Ottobre 2012 - 18:06

    con quella cifra se ne faceva seicentomila e più !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog