Cerca

Guarda le foto e il video

Le Femen si spogliano per i gay
e prendono le botte dai cattolici

Le femministe aggredite durante il corteo delle associazioni cristiane che protestavano contro la legalizzazione del matrimonio gay voluta da Hollande

"I manifestanti le hanno inseguite, erano scatenati. Le ragazze hanno preso botte e colpi in tutte le parti del corpo". Lo ha raccontato la giornalista e saggista Caroline Fourest, anche lei malmenata 
Le Femen si spogliano per i gay
e prendono le botte dai cattolici

Matrimoni e adozioni gay mandano in tilt la Francia di Francois Hollande. Gruppi di francesi cattolici integralisti hanno invaso le strade contro il progetto di legge del governo che apre la strada ai matrimoni e le adozioni gay al grido di "Sì alla famiglia, no all'omofollia" e "Un papà e una mamma per ogni bambino". Ieri circa 100 mila persone contrarie alle scelte del governo in materia avevano protestato in tutto il paese; oggi si è replicato con le iniziative del gruppo conservatore cattolico Civitas e a Parigi ci sono stati scontri anche duri con chi invece è favorevole ai matrimoni tra omosessuali. 

Guarda il video su Libero Tv 

"Il nostro obiettivo è quello di ingaggiare una vera battaglia per proteggere la famiglia e i bambini", ha spiegato il responsabile di Civitas Alain Escada che aggiunge: "l'omosessualità è una deviazione che va corretta". Il progetto di legge francese sulle unioni tra persone dello stesso sesso è stato approvato il 7 novembre scorso dal Consiglio dei ministri e dovrà ora affrontare il voto del Parlamento.

Guarda le foto dell'aggressione alle Femen

L'arrivo delle Femen - Attimi di tensione quando il gruppo ucraino femminista Femen ha fatto irruzione in topless nel corteo e ha iniziato a cantare "Noi crediamo nei gay". Le donne hanno spruzzato della polvere bianca da bottiglie sui manifestanti che hanno iniziato a picchiarle, buttandole a terra. "Una decina di militanti di Femen avevano deciso di inscenare una protesta pacifica e ironica, ma quando sono andate verso i manifestanti, degli individui le hanno inseguite, erano scatenati. Le ragazze hanno preso botte e colpi in tutte le parti del corpo". Lo ha raccontato la giornalista e saggista Caroline Fourest, anche lei malmenata dai militanti del gruppo cattolico dei Civitas. Per fermare i quali è stato necessario un cordone di polizia.

 

 

Parigi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    04 Dicembre 2012 - 15:03

    Ci sono due tipi di donne...Le strafighe che fanno carriera in TV,sposano calciatori o imprenditori,fanno le attrici e modelle,e poi ci sono le cesse...quelle che hanno in tasca la tessera del sindacato di sinistra che vanno in strada a manifestare contro la mercificazione del corpo femminile. E' naturale che abbiano picchiato le belle,fresche e giunoniche modelle ucraine...l'invidia è una brutta bestia,loro,le donne sindacaliste "fortemente impegnate a sinistra,per un po di sesso devono rivolgersi a qualche marocchino puzzolente affamato !

    Report

    Rispondi

  • cecco61

    21 Novembre 2012 - 10:10

    Basta ipocrisie: il matrimonio per i gay è richiesto per mere ragioni economiche (legittime ereditarie, casa "coniugale" et similia). Basterebbere estendere alle coppie di fatto di cui all'apposito registro, già in essere, questi diritti e il problema sarebbe risolto. In tema di adozione poi, avendo lo scopo di garantire al bambino uno sviluppo e una crescita il più normale possibile (normale= rientrante nella norma, nella consuetudine) non vedo proprio come si possa sostenere l'adottabilità da parte di una coppia gay. Gli esperti sostengono che in tenera età i nostri modelli sono i genitori e che, tutti, durante la pubertà abbiamo pulsioni omosessuali: a qualcuno rimangono ad altri no. A questo punto consentire le adozioni ai gay risulterebbe in un precludere, a priori, la possibilità che sia il bambino, crescendo a fare le proprie scelte. Per fare un bambino ci vogliono un uomo e una donna: tutto il resto diventa una forzatura che inevitabilmente lede i diritti di qualcuno.

    Report

    Rispondi

  • Baronedel Carretto

    20 Novembre 2012 - 15:03

    Anche poco le dovevano prendere a calci nel culo.

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    20 Novembre 2012 - 13:01

    una volta tanto ci si oppone allo schifoso e vigliacco bullismo anticristiano... come mai queste nobildonne e feccia volgare,becera,irrispettosa simile non si scagliano contro l'Islam? Quelli le donne ed i gay li trattano bene? VIGLIACCHI! Quelle balorde andassero a lavorare in miniera o dove a loro è più congeniale.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog