Cerca

Crollano i socialisti

Francia, elezioni amministrative: boom di Marine Le Pen

Il "boom" arriva dalla Francia: il Fronte Nazionale di Marine Le Pen, al primo turno delle elezioni amministrative, raggiunge un risultato straordinario. Stando alle stime relative allo spoglio in corso, l'estrema destra è in testa in diverse città. Subito la Le Pen ha definito "straordinaro" l'esito della consultazione. "I francesi - ha aggiunto - si sono ripresi la loro libertà". Il voto alle comunali segna anche la netta e prevedibile discesa dei socialisti di Hollande. La destra, infatti, ha raccolto il 46,54% dei voti mentre la gauche si è fermata a a quota 37,74% e quindi il Front National al 4,65% che conferma il successo anticipato dagli exit poll. Da record l'astensione, al 35,9%, contro il 33,5% del 2008. A Parigi, sarà ballottaggio tra le due candidante Nathalie Kosciusko-Morizet (Ump) e Anne Hidalgo (PS) .

Il successo del FN - "Abbiamo già 500 consiglieri comunali dopo il primo turno, dunque penso che riusciremo a raggiungere il nostro obiettivo di averne 1000", ha dichiarato Marine Le Pen a RMC, senza nascondere il suo entusiasmo per i risultati elettorali. L'avanzata della Le Pen preoccupa i socialisti, che infatti si sono detti pronti a votare con la destra agli eventuali ballottaggi pur di fermare il Front National. Quelli realizzati dal partito di Marine Le Pen sono dei risultati storici. I candidati del FN, infatti, sono riusciti a vincere nella maggior parte dei 600 comuni (su un totale di 36700 comuni) n cui si sono candidati. Alla fine del primo turno, FN risulta in testa nelle città di Béziers, Avignone, Digne-les-Bains, Fréjus e Perpignan. A Forbach, i risultati definitivi vedono la vittoria del vice presidente del Front National Florian Philippot, che ha guadagnato il 35,75% dei consensi. 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudionebridio

    24 Marzo 2014 - 17:05

    Scacco al governo del massone Hollande e alle sue imposizioni pro-Europa dei banchieri, dell'ultramercantilismo, della distruzione degli Stati nazionali previe crisi economiche inventate a tavolino e imposte senza alcuna base razionale e scacco all'imposizione subdola e truffaldina di diktat ultralaicisti e antinatura.

    Report

    Rispondi

  • aquasimplex

    24 Marzo 2014 - 12:12

    Il piatto preferito in Europa: Le Pen all'arrabbiata.

    Report

    Rispondi

  • plaunad

    24 Marzo 2014 - 12:12

    E QUESTA E' SOLO LA PRIMA !!!!!

    Report

    Rispondi

  • vsmvsd

    24 Marzo 2014 - 12:12

    Adesso voglio proprio vedere cosa si inventeranno i vari banchieri/lobbisti/eurocrati per tenere a freno la marea popolare che li stà investendo. L'Europa così come la vediamo tutti oggi è una galera da cui tutti vogliono fuggire, soprattutto da quando le guardie sono tedesche .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog