Cerca

Il retroscena

Isis, 23 ex colonnelli di Saddam Hussein ai vertici dell'organizzazione

Isis, 23 ex colonnelli di Saddam Hussein ai vertici dell'organizzazione

Dopo la caduta di Saddam Hussein per mano degli americani hanno scelto la jihad. Almeno 23 capi militari dell'Isis, stretti collaboratori di Abu Bakr al-Baghadadi, sono ex ufficiali del regime iracheno e ora hanno assunto ruoli di grande responsabilità nel Califfato islamico. Secondo il retroscena della Stampa sarebbero stati fortemente voluti dal leader dell'Isis per sommare competenze militare classiche ai metodi sanguinosi del terrorismo jihadista. C'è Fadel al-Hayali, capo delle operazioni in Iraq, e Adnan al-Sweidawi, capo del consiglio militare. Si sarebbero conosciuti quando erano prigionieri degli americani a Camp Bucca dove erano stati rinchiusi dopo il rovesciamento del regime nel 2003. A conoscere gran parte di questi capi militari è Ahmed Dulaimi, governatore dell’Anbar, secondo il quale di tratta di «persone di esperienza che dopo la caduta di Saddam hanno scelto Al Qaeda e l’Islam». Maurizio Molinari spiega che per consolidare la struttura, al-Baghdadi ha ordinato blitz nelle prigioni irachene che, negli ultimi due anni, hanno portato a liberare - e arruolare - almeno 300 ex ufficiali della Guardia Repubblicana, di Saddam. Sono stati loro a rendere possibile la conquista di Mosul.
Se i comandi militari vengono dall’ex partito Baath iracheno, le truppe sono composte da volontari jihadisti stranieri spesso sauditi, turchi e maghrebini a fianco di numeri più esigui - ma non indifferenti - di europei, americani ed australiani. Fra le unità più feroci c’è quella guidata da un ceceno di nome Omar al-Shishani, abile e spregiudicato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Peo

    30 Agosto 2014 - 18:06

    Non so come si ragioni in questo giornale e come si facciano i titoli. Saddam ODIAVA gli islamisti. E li faceva "sparire". Il suo regime era laicissimo, e consentiva addirittura a ebrei e cristiani di vivere indisturbati (di questi ultimi ce ne erano 700 mila). Se gli occidentali non avessero invaso l'Irak per fregargli il petrolio staremmo meglio noi e loro, oggi...

    Report

    Rispondi

  • lorenzoz

    29 Agosto 2014 - 19:07

    Dietro all'ISIS c'è l'ombra si Saddam? Direi che ci sia puù che l'ombra, la faccia degli USA che hanno assassinato Saddam, ma anche Gheddafi, che massacrano i Palestinesi, che vorrebbero morto Saddat. Destabilizzando tutti i paesi arabi, riempiendo così l'Europa di profughi e terroristi. Basta Mare Nostrum! ci pensi la VI flotta e se li porti in america.

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    29 Agosto 2014 - 10:10

    Bel ricettacolo di delinquenti e magari qualcuno tanto per cambiare è passato anche in Italia

    Report

    Rispondi

blog