Cerca

Orrore islamico

Is: decapitato Steven Sotloff, l'altro ostaggio americano

Steven Sotloff

I tagliagole islamici colpiscono ancora: su internet è comparso un video che mostra la decapitazione del giornalista statunitense Steven Sotloff da parte dello Stato islamico, l'Is. A uccidere è ancora "John" il boia, l'uomo con accento londinese che ha decapitato James Foley, compagno di prigionia di Sotloff. Il folle annuncia: "Sono tornato, Obama, sono tornato per la tua politica estera arrogante verso lo Stato islamico". Quindi la parola passa a Sotloff, inginocchiato e con l'ormai tristemente rituale tuta arancione. Il giornalista, prima di morire, afferma: "Pago il prezzo della decisione dell'amministrazione Obama di attaccare gli obiettivi dell'Is in Iraq". Quindi si consuma l'orrore.

Immagini forti. La decapitazione di Sotloff
Guarda il video su Liberotv

Il "format" - Il video è simile in tutto e per tutto a quello che mostra la decapitazione di Foley, diffuso lo scorso 19 agosto. Nel nuovo filmato di 2 minuti e 46 secondi viene mostrata l'esecuzione di Sotloff, che fu rapito in Siria, e viene poi "presentata" la prossima vittima, in questo caso David Cawthorne Haines, ostaggio britannico in mano dell'Is. La minaccia è di uccidere l'ostaggio se non si fermeranno i radi. Il nuovo sconcertante video è intitolato "Un secondo messaggio all'America". Al momento, la Casa Bianca non è in grado di confermare la notizia della decapitazione di Sotloff: lo ha affermato il portavoce Josh Earnest, spiegando che l'informazione deata dal New York Times non può essere verificata. La notizia della diffusione del video è stata rilanciata dal New York Times che cita il SITE Intelligence Group. La portavoce del Dipartimento di Stato Usa, Jennifer Psaki, ha invece scelto di commentare la notizia: "E' un atto terrificante". Quindi David Cameron, premier britannico: "E' disgustoso e spregevole".

Chi era Steven Sotloff
Leggi la scheda

La petizione - Come detto, Sotloff era stato mostrato al termine del video dell'esecuzione di Foley, e l'Is aveva minacciato gli Stati Uniti spiegando che sarebbe stato il prossimo ostaggio a morire se non fossero cessati i raid sul nord dell'Iraq. I suoi familiari avevano aperto una petizione sul sito della Casa Bianca chiedendo ad Obama di salvare la vita al figlio, ma gli Usa, anche in questo caso, hanno deciso di non pagare alcun contratto. Proprio una settimana fa la madre di Sotloff ha lanciato un appello all'Is per la sua liberazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • thebestluly

    03 Settembre 2014 - 12:12

    Non hanno nemmeno il coraggio di farsi vedere in faccia. Maledetti. Non dobbiamo avere pietà di questa gente. A estremi mali, estremi rimedi.......facciamo piazza pulita di questa feccia.

    Report

    Rispondi

  • routier

    03 Settembre 2014 - 09:09

    E se incominciassimo noi a decapitare qualche islamico e mandare il video ai media ? Tranquilli non succederà. Noi è da molto tempo che il medioevo lo abbiamo lasciato alle spalle.

    Report

    Rispondi

    • Franco I

      03 Settembre 2014 - 10:10

      Non confondiamo l'Islam con le bestie. Semmai, al momento della cattura, non facciamo tanto i democratici usando il finto buonismo per volontà propria o per apparire. Loro non vogliono apparire, lo fanno i fatti. Cosi facendo eviteremo di utilizzare altri commenti buonisti sulle carceri forti ed eviteremo di sperperare denaro.

      Report

      Rispondi

  • 03 Settembre 2014 - 09:09

    Is: Ringrazia li SPONSOR: OBAMA e i suoi PADRONI CRIMINALI FINANZIARI,FINANZIATORI GUERRA FONDAI del mercato METICCIO (per la distruzione della civiltà e cultura OCCIDENTALE, degli stati Nazionali Sovrani e autodeterminati, cioè del PROGRESSO CIVILE e della VERA DEMOCRAZIA), "Grazie Obama,senza (UN CRIMINALE,TRADITORE DELL'OCCIDENTE!!!) come te tutto questo non sarebbe mai stato possibile"!!!!

    Report

    Rispondi

  • Franco I

    03 Settembre 2014 - 09:09

    Leggendo tutti i commenti, si rimane sbalorditi. Chi accusa Obama, chi accusa i Giornalisti, chi consiglia e chi no. Certo, vivere chiusi nella propria casa, curando il proprio orticello senza che nessuno ci disturba, sarebbe veramente l'elisir di lunga vita. Speriamo che un giorno accada e che tutti questi pazzi che si rifugiano dietro una Religione o fantomatiche idee Politiche, spariscano. Boh!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog