Cerca

Il verdetto

Oscar Pistorius, la sentenza: "Omicidio colposo"

Oscar Pistorius

Tutto come da previsione della vigilia: Oscar Pistorius si salva. La condanna per l'atleta paralimpico è di omicidio colposo, escluso l'omicidio volontario della sua fidanzata, Reeva Steenkamp, uccisa a colpi di pistola sparati attraverso la porta del bagno il 14 febbraio del 2013. Durante la lettura delle battute finali della sentenza da parte della giudice Thokozile Masipa, Pistorius è rimasto in silenzio e impassibile, in piedi sul banco degli imputati. Il campione ha sempre sostenuto di aver sparato per errore alla modella, scambiata per un intruso. Ora, alla luce del capo d'accusa, rischia una condanna massima a 15 anni, ma l'ipotesi più probabile è che non vada neppure un giorno in carcere: il giudice, infatti, potrebbe concedergli la libertà condizionata. La pena, però, non sarà resa pubblica oggi: slitterà ai prossimi giorni, probabilmente domani, sabato 13 settembre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • OttavioD

    12 Settembre 2014 - 11:11

    Sentenza molto discutibile, ritengo troppo mite. Rimane la morte di una giovane donna e la distruzione totale dell'esempio di speranza che rappresentava per milioni di persone.

    Report

    Rispondi

blog