Cerca

Vertice a Parigi

Is, la strana alleanza tra Occidente e arabi. Obama e Hollande divisi da Assad

Is, la strana alleanza tra Occidente e arabi. Obama e Hollande divisi da Assad

È possibile vincere una guerra contro uno stato grande come l'Italia senza un esercito di terra? A questa domanda cruciale e dalla risposta ovvia, non continuano a non rispondere né Barack Obama, ne François Hollande, che ieri ha invitato a Parigi tutte le nazioni che intendono scendere in guerra contro il Califfato islamico, inclusa la Russia che finalmente ha aderito. La mancata risposta è legata ad un banale trucco: Obama, e Hollande ragionano dentro la strategia delineata dal presidente americano che finge di credere che l'esercito di terra che contrasterà e vincerà il Califfato sarà l'esercito iracheno. Ma questo esercito non esiste più, ha subito una vergognosa sconfitta, ha perso in una serie di sconfitte vergognose in pochi giorni ben 12.000 soldati, molti subito massacrati dai vincitori, ha lasciato con codardia enormi depositi ai armi, carri armati e munizioni nelle mani dei miliziani del Califfato e non si vede assolutamente chi e come farà il miracolo di rimetterlo in piedi.

Al Baghdadi gode - Ciò nonostante, Obama, Cameron e Hollande continuano a organizzare la loro coalizione, sempre sulla base del principio strategico «no booth on the ground», non un piede occidentale sul suolo dell'Iraq. E il Califfato, come notano sconsolati molti commentatori - anche i più sfegatati estimatori di Obama - se la ride. Basti pensare che il Califfato controlla saldamente la seconda città irachena, Mosul, che ha piu abitanti di Roma (2,5 milioni) in cui possono essere bombardati alcuni obbiettivi militari, ma con un esito parzialissimo. Il Califfato dispone ormai di un esercito perfettamente armato e di interi battaglioni corazzati e basta pensare alle difficoltà incontrate da Israele a Gaza (in cui pure i suoi soldati sono entrati via terra), per comprendere come i bombardamenti aerei non possano costituire una seria risposta. Hollande ha aperto la riunione di Parigi di questa fumosa coalizione con i rappresentanti di 30 nazioni, sostenendo che «la minaccia globale rappresentata dai militanti dello Stato islamico ha bisogno di una risposta globale». Naturalmente sempre non includendo in questo concetto di «globale» una risposta occidentale da terra. Un non senso, che produrrà nei prossimi giorni solo un intensificarsi dei raid aerei sulle postazioni del Califfato in Iraq e Siria (i Rafales francesi hanno già effettuato dei voli di ricognizione).

Guerra ad Assad - Differenziandosi sensibilmente da Obama, Hollande ha poi allargato gli obbiettivi della coalizione ad una sconfitta non solo del Califfato, ma anche del regime di Beshar al Assad: «Chiedo ai paesi presenti di sostenere con ogni mezzo l'opposizione moderata in Siria. Il caos fa il gioco dei terroristi. Dobbiamo sostenere coloro che sono in grado di negoziare e fare il compromesso necessario per preservare il futuro della Siria, e per la Francia quelle sono le forze dell'opposizione democratica». Non è chiaro se questo obbiettivo sia stato o meno condiviso dai partecipanti e l'impressione prevalente è che anche in questo caso si sia sorvolato sul punto (pure determinante). Dunque una prima divaricazione di fondo, che si radicalizzerà da qui a poco, dentro una Coalizione in cui Obama parla solo di aiutare i ribelli siriani contro il Califfato, mentre Hollande vuole -e lo dice- anche abbattere Assad.

Il nodo Teheran - L'unico punto chiaro emerso dalla riunione di Parigi, così come da quella dei paesi arabi di Gedda di giorni fa, è stata l'esclusione dell'Iran dalla coalizione. Esclusione ovvia, visto che l'Iran è parte determinante del problema del Califfato e non può certo esserne la soluzione. Il Califfato è infatti diretta conseguenza della resistenza al potere di Assad, determinata solo dal consistente aiuto dei Pasdaran iraniani e dei filo iraniani Hezbollah. Inoltre, l'alleanza tra tante tribù sunnite irachene dell'Anbar e il Califfato è diretta conseguenza della politica settaria contro i sunniti operata non solo dallo sciita Nouri al Maliki, ma anche sostenuta - a tutt'oggi, nonostante fumosi giri di parole - da gran parte dei partiti sciiti iraniani: Sciri, Dawa e il partito dell'estremista sciita Moqtada Sadr (legato agli ayatollah più oltranzisti di Teheran). Infatti, il governo iracheno, per bocca del nuovo ministro degli Esteri Ibrahim al Jaafari (del Dawa filo iraniano), si «è rammaricato per l'assenza dell'Iran a Parigi, nonostante le nostre insistenze». Caustico, Alì Khamenei, Grande Guida dell'Iran, ha sbeffeggiato Obama: «Gli Usa avevano chiesto se potevamo cooperare contro l'Isis, ma abbiamo respinto la richiesta perché hanno le mani sporche di sangue».

di Carlo Panella

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alkhuwarizmi

    16 Settembre 2014 - 17:05

    Il Califfato fa paura sempre di più grazie all'incapacità di decidere, ai contrapposti interessi, alla storica mancanza della comprensione della reale portata del fenomeno Islam ed in genere all'inettitudine degli Occidentali, nessuno escluso.

    Report

    Rispondi

  • ixior

    16 Settembre 2014 - 10:10

    domanda ridicola in realtà.. È ovvio che sia possibile vincere una guerra contro il califfato senza nemmeno inviare un esercito sul luogo, ma è una soluzione che non si adotterà mai: iniziare ad usare testate H da 10MT o superiori una decina di missili intercontinentali e la minaccia non esiste più

    Report

    Rispondi

blog