Cerca

Investitura ad Amsterdam

Olandesi pazzi per Maxima
la regina "impresentabile"
Oggi l'incoronazione

La sposa di re Willem è molto amata anche se figlia di un ministro della giunta militare argentina

Willem Alexander e Maxima

Willem Alexander e Maxima

 

di Maria Cristina Giongo

Oggi, 30 aprile, i Paesi Bassi avranno non solo un giovane re, Willem Alexander, 46 anni, ma anche una regina, la bella moglie Maxima, 41, argentina, nata a Buenos Aires, con sangue italiano nelle vene. La madre infatti, Carmen Cerutti, è di origini italiane. In Olanda i regnanti possono decidere se donare il titolo reale anche ai loro coniugi, conservando però solo loro quello di Capo di stato. All’inizio il partito socialdemocratico  (PvdA), che dal 5 novembre 2012 governa il Paese insieme a quello liberale (VVD), era contrario al desiderio del futuro re. Lo stesso avvenne quando Beatrice d’Olanda divenne regina: allora l’adorato marito Claus rimase soltanto principe consorte in quanto era tedesco con un passato nelle organizzazioni giovanili naziste (Deutsches Jungvolk e Gioventù hitleriana, anche se l'iscrizione alla seconda era obbligatoria per tutti i ragazzi della sua generazione). Claus fu poi comunque molto stimato dal popolo olandese. 

Guarda il video su LiberoTv

Guarda la Gallery

La famiglia - Willem Alexander e Maxima hanno tre figlie, Amalia (erede al trono), Alexia e Ariane, che parteciperanno attivamente alla cerimonia, acccanto ai genitori e alla nonna dimissionaria. «Maxima è dotata di grande senso critico, intelligente, forte: mi ha aiutato a diventare un uomo migliore e più deciso. Siamo complementari. La voglio accanto  non solo come moglie e madre ma anche come regina del mio Paese», ha dichiarato Willem Alexander guardandola con amore,  durante l’unica intervista concessa prima dell’evento. Una cosa è certa: Maxima si è conquistata l’affetto di tutti i cittadini, quasi più del marito. È una donna moderna, radiosa, elegante, sensibile, determinata. Piace persino alle femministe (che non sempre hanno visto di buon occhio la monarchia), le quali hanno apprezzato il suo gesto di buttarsi nelle fredde (e sporche!) acque di Amsterdam per compiere un percorso a nuoto allo scopo di raccogliere fondi per i malati di Sla. Senza preoccuparsi di indossare una cuffia di gomma e, al suo riemergere dalle acque, un accappatoio e infradito di plastica, mostrandosi ai giornalisti con i capelli bagnati e scomposti.  

Inoltre non ha mai disdegnato di portare in pubblico un soprabito (di seta, beige dorato, con grandi fiori) riciclato per ben quattro volte dal 2003 al 2012. Tanto per sottolineare  che in tempi di crisi anche le principesse dovrebbero usare più volte gli stessi vestiti! Lei lo fa spesso. Quando Willem Alexander la conobbe a una festa di amici, rimase folgorato dalla sua bellezza e passionalità. Da quel momento non si lasciarono più. Il 2- 02- 2002 si sposarono nella Nieuwe Kerk: la stessa dove oggi si celebra la cerimonia di investitura del nuovo re. Fu un matrimonio da favola. Maxima indossava un meraviglioso abito color crema con inserti di pizzo fra le pieghe, naturalmente di Valentino, il suo stilista preferito. Il velo di tulle e pizzo era lungo 5 metri con un motivo che riproduceva i fiori del bouquet (rose e gigli bianchi ). 

La stessa regina Beatrice si recò più volte a Roma per i dettagli, compreso quello di mostrare allo stilista la tiara che la nuora avrebbe indossato: uno splendido diadema stellato, realizzato con alcuni elementi che a suo tempo portarono le regine Emma e Guglielmina. Valentino aveva pensato a maniche a tre quarti. Maxima insistette per averle lunghe e che la manica sinistra fosse più larga della destra: per poterci nascondere un fazzolettino in caso di lacrime. Come aveva previsto, le lacrime scesero copiose, soprattutto quando Carel Kraayenhof suonò (divinamente) il tango «Adios Nonino» di Astor Piazzolla.

Eppure sin dal primo momento anche per Maxima come per Claus ci furono due ostacoli da superare: uno fu subito risolto. L’altro non lo sarà mai. Il primo era la differenza di religione fra i due fidanzati: lei cattolica, lui protestante. Ottennero una dispensa per un matrimonio misto, secondo il rito della Chiesa protestante riformista ma con una benedizione degli sposi in chiesa. Il secondo problema riguarda invece il padre di Maxima, Jorge Zorreguieta, argentino, ministro dell’agricoltura all’epoca della dittatura sanguinaria di Jorge Videla. Il Primo ministro di allora, Wim Kok, socialdemocratico del partito dei lavoratori (PvdA), espresse il chiaro dissenso alla sua partecipazione  al matrimonio della figlia, in quanto aveva fatto parte di un regime che si era macchiato di gravi delitti. Ricordiamo che Wim Kok (con il partito liberale VVD e i democratici del partito D66) fece parte nel ’94 della prima coalizione progressista dopo decenni di governi democristiani. La coalizione fra partiti opposti fu confermata alla successive elezioni. Poi nel maggio 2002 l'intero governo si dimise in seguito alle voci sulle possibili responsabilità olandesi nel massacro di Srebrenica. 

Esclusi - Per Maxima l’esclusione dei genitori fu un grande dolore. Un dolore che si rinnova oggi perché ancora una volta papà e mamma non potranno essere presenti  quando la figlia riceverà il titolo di regina della casa reale di Orange Nassau. Ma è stata proprio Maxima, per evitare le polemiche del passato, a proporre la loro esclusione. 

Per tre giorni, a partire da domenica, gli aerei non potranno sorvolare il cielo di Amsterdam. Alla cena ed al grande ballo di ieri sera sono intervenuti, fra le tante teste coronate, anche quelle non ancora incoronate del Principe Charles e di Camilla. Come nel lontano 1980 quando Beatrice diventò regina. Un po’ più anziani e sconfortati, nell’attesa di poter salire un giorno sul trono del loro Paese. Chissà. Infine sono trapelate alcune notizie sugli abiti che indosseranno i futuri reali: per Willem Alexander forse il frac, oltre al  tradizionale, antico mantello di velluto ed ermellino. Maxima sarà in lungo, probabilmente in giallo con particolari di color oro. Chissà se ancora una volta avrà puntato su un abito di Valentino?

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    01 Maggio 2013 - 15:03

    Lei preferisce le spese della nostra politica? lei preferisce le cosiddette democrazie che hanno regalato i potere alla massoneria?

    Report

    Rispondi

  • spartacus63

    01 Maggio 2013 - 12:12

    a tutte le famiglie reali,attaccatevi dei bei massi al collo e gettatevi in mare.parassiti bastardi

    Report

    Rispondi

  • Franco Giunta

    01 Maggio 2013 - 09:09

    Ma nessuno brontola in Olanda per le spese della Monarchia??? In più, la Monarchia ereditaria non è contro il Diritto Internazionale ??? Domande ingenue???

    Report

    Rispondi

blog