Cerca

La perfida Albione

La Gran Bretagna si prepara al referendum per uscire dall'Unione Europea

Il parlamento inglese dà l'ok ad una consultazione referendaria entro il 2017 per decidere se restare o meno in Europa. Ora Bruxelles trema. Italia, Spagna, Portogallo e Grecia pronte a seguire l'esempio

La Gran Bretagna si prepara al referendum per uscire dall'Unione Europea
Si può. In Inghilterra guardano al futuro e si preparano a votare per uscire dall'Unione europea con un referendum. Una svolta storica quella della Gran Bretagna che risponde alle esigenze degli euroscettici del partito conservatore guidato da David Cameron. Il premier britannico ha vinto la sua battaglia in parlamento sul referendum che darà agli inglesi la scelta se uscire o meno dall'Unione europea. Con 304 voti a favore i deputati britannici hanno dato l'ok al referendum che si terrà entro il 2017. Il provvedimento che autorizza la consultazione referendaria però non è vincolante. Il prossimo governo, se non fosse guidato da Cameron, potrebbe ignorare il referendum e revocarne la disposizione. La sinistra britannica intanto corre al riparo e si schiera contro il referendum, definendo la consultazione "una perdita di tempo".

Precedente inquietante - La scelta della Gran Bretagna crea un precedente di cui gli altri governi dovranno tenere conto. In un momento in cui la pressione sulle istituzioni europee è alle stelle, la decisione del parlamento inglese diventa una sassata al gotha dell'Europa. La proposta di legge approvata da 304 conservatori era stata avanzata dal piú giovane deputato Tory, il 29enne James Wharton: "E' ora di dare a milioni di cittadini britannici la possibilità di esprimere la loro opinione", ha dichiarato Wharton. Cameron intanto fa sapere che "la Gran Bretagna dovrebbe restare parte della Ue ma solo se la Ue cambierà dall'interno promuovendo riforme per essere piú democratica e trasparente". Il premier ritiene che sia comunque giusto chiedere agli elettori la loro opinione sull'Unione per la prima volta dal 1975. Secondo i sondaggi, se ci fosse un referendum oggi la maggioranza dei cittadini britannici voterebbe a favore di un "divorzio" da Bruxelles.

L'Europa trema - In Italia un referendum sull'uscita dalla zona euro lo chiedono da tempo i grillini. Ma anche parte del centrodestra vede l'Europa come una gabbia. I parametri rigidi dell'Europa che impattano sulla nostra economia sono paletti diffcili da abbattere. Il tetto del deficit fissato al 3% è una barriera che blocca la ripresa e la crescita. In Inghilterra sono pronti a spezzare le catene. Potrebbe scatenarsi un effetto domino che parte da Londra, passa per Parigi e Lisbona e arriva fino a Roma. La Merkel è avvisata. (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • SteveCanelli

    08 Luglio 2013 - 01:01

    Cara Merkel, te la stai facendo sotto vero ? Se l'Italia spariglia sui parametri, la tua cara Cermania finisce col Kulone per terra. È il momento di alzare la voce, spero che Letta abbia le palle per farlo!

    Report

    Rispondi

  • RobertPaul

    07 Luglio 2013 - 23:11

    prepariamoci a farlo insieme alla gran Bretagna

    Report

    Rispondi

  • z.signorini

    07 Luglio 2013 - 18:06

    L'unione Europea potrebbe essere una bella cosa se fosse stata fatta seriamente e concretamente. Guardiamo la classe politica di cui è governata l'Europa.....tutti politici trombati dal proprio paese. Questo nella maggior parte dei casi vuol dire INCAPACI. In effetti vediamo cosa hanno fatto questa classe di incapaci parassiti burocrati....NIENTE. Ma soprattutto imbecilli in quanto son diventati puttanelle della Merkel. Così come sta...è giusto uscire....così come sta è una gran puttanata.

    Report

    Rispondi

  • babbone

    07 Luglio 2013 - 16:04

    Fuori. Fuori da questa "europa" dei paesi dell'Est. Ognuno a casa sua e vedrete che le aziende fuggite dalla tasse ritorneranno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog