Cerca

Morte choc

Mette in carica
l'Iphone, ragazza
resta fulminata

La vittima è una 23enne assistente di volo cinese. Apple contatta la famiglia: "Investigheremo a fondo sull'accaduto"

Apple

Apple

Le tragedie provocate dai telefoni cellulari di ultima generazione sembrano non avere fine. Per una giovane 23enne non c'è stato nulla da fare. E' accaduto a Pechino, in Cina, e a essere posta sotto accusa questa volta è la Apple. Ailun viveva nella regione di Xinjiang ed era un'assistente di volo. La sua storia al limite dell'assurdo sta facendo il giro del continente asiatico. Giovedì scorso, 11 luglio, ha messo in carica il suo iPhone 5, poi lo ha afferrato ed è stata letteralmente folgorata da una scarica elettrica che l'ha uccisa. A raccontare il terribile episodio è stata la sorella, che, con il suo account su Sina Weibo - l'equivalente cinese di Twitter -, ha chiesto una spiegazione direttamente all'azienda produttrice. Sembra poi che la Apple si sia messa in contatto con i parenti della vittima: "Siamo profondamente abbattuti nell’apprendere di questo tragico incidente e offriamo le nostre condoglianze alla famiglia”, queste le parole di un portavoce riportate dal South China Morning Post. “Investigheremo a fondo sull’accaduto e coopereremo con le autorità riguardo a questa vicenda”. I familiari hanno assicurato che l'iPhone della giovane era ancora in garanzia e acquistato regolarmente. Cose che non devono certo succedere queste, ma gli incidenti causati dai telefoni cellulari purtroppo non sono rari. Ne sa qualcosa la Samsung, sotto accusa per l'esplosione che, pochi giorni fa, ha danneggiato la gamba della 18enne svedese Fanny Schlatter, in Svizzera, provocandole un'ustione di terzo grado. La giovane, mentre stava caricando delle latte di vernice sul furgone del suo capo, ha sentito uno scoppio e un forte dolore, poi la tasca posteriore dei suoi pantaloni da lavoro, dove era riposto l'S3, ha iniziato a prendere fuoco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog