Cerca

Primo via libera

Il Belgio dice sì all'eutanasia per i bambini: dal diritto al delitto

Genitori e psicologo diranno se il piccolo malato è in grado di decidere sulla sua sorte. Come può un fanciullo di 7-8 anni decidere lucidamente?

Il Belgio dice sì all'eutanasia per i bambini: dal diritto al delitto

Il Belgio sta per conquistare un singolare primato: rischia di diventare la prima nazione al mondo in cui un bambino, di qualunque età, afflitto da una malattia terminale, ha facoltà di sottoporsi all’eutanasia. Mercoledì una commissione del senato ha votato, con ampia maggioranza, a favore del disegno di legge che prevede che i bambini incurabili possano scegliere di morire, dopo che uno psicologo abbia valutato la loro capacità di decidere, e con il consenso dei genitori. Se la legge dovesse passare anche in parlamento, il che è considerato scontato, il Belgio supererebbe nell’estensione dell’eutanasia anche l’Olanda, dove è già consentita per i bambini dai dodici anni, con cinque casi di applicazione dal 2002. 


 

Leggi l'articolo integrale di Giordano Tedoldi
su Libero in edicola oggi, giovedì 28 novembre

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    28 Novembre 2013 - 18:06

    ed a proposito di DIRITTO. Chi dà il diritto e le capacità ad un semplice 'pennaiolo' di dire cosa e come è più giusto, soprattutto in materia di disgrazie che certo LUI non ha ancora provato ? non crede simile becero inconsistente individuo, questa presunta e presuntuosa intellighenzia del paese, che simili casi non possono essere trattati nè la stupidità religiosa, nè con faciloneria, e tanto meno può esserci un interesse da... tiratura di copie ? se stava zitto, avrebbe fatto meglio.

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    28 Novembre 2013 - 17:05

    Caro Papa Francesco, e tu stai zitto? Ma questa infamia non l'avevamo già vista della Germania nazista? E tu perdi tempo a concedere interviste a Scalfari. Se non sbaglio hai affermato che "ciascuno ha una sua idea del Bene e del Male e deve scegliere di seguire il Bene e combattere il Male come lui li CONCEPISCE. Basterebbe questo per migliorare il mondo". Ecco, i Belgi, stabilendo che si possono uccidere i bambini affetti da malattie terminali, hanno scelto di perseguire quello che loro credono essere il Bene; il Bene come loro lo concepiscono. E contribuiscono con questo a migliorare il mondo? Che messaggio sbagliato hai trasmesso! Ma non era meglio dire un bel Rosario piuttosto che propalare tante sciocchezze dialogando con Scalfari?

    Report

    Rispondi

  • Montagner

    28 Novembre 2013 - 14:02

    E' vero che ogni caso è a se' così come a se' è il Belgio, nazione (?) dove alcuni anni fa si discuteva di rendere NON punibile la pedofilia. Per cui rendere a conoscenza che si è votato in tal senso NON è superficialità ma evidenziare che l'etica morale gioca sulle situazioni in cui spesso alcune famiglie si trovano a vivere. Superficiale è colui che ritiene, nel nome della scienza, giustificare sempre e comunque tutto. ægroto, dum anima est, spes est !

    Report

    Rispondi

  • Montagner

    28 Novembre 2013 - 14:02

    E' vero che ogni caso è a se' così come a se' è il Belgio, nazione (?) dove alcuni anni fa si discuteva di rendere NON punibile la pedofilia. Per cui rendere a conoscenza che si è votato in tal senso NON è superficialità ma evidenziare che l'etica morale gioca sulle situazioni in cui spesso alcune famiglie si trovano a vivere. Superficiale è colui che ritiene, nel nome della scienza, giustificare sempre e comunque tutto. ægroto, dum anima est, spes est !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog