Cerca

Cartoon sull'omosessualità alle elementari

Genitori e politici francesi protestano

Cartoon sull'omosessualità alle elementari
«Dico sì alla lotta all'omofobia, sì alla lotta alle discriminazioni, sì alla sensibilizzazione dei nostri studenti ma credo che trattare questo tema alle elementari sia prematuro». Dopo le polemiche suscitate dalla proiezione di un cartone animato sull'omosessualità ai bambini, il ministro dell'Istruzione francese Luc Chatel si è inserito con queste parole nel dibattito, minifestanto la propria contrarietà  a un cartoon che «non è fatto per essere guardato alle elementari».

Le proteste - "Il bacio della luna" - questo il titolo del cartoon - è la storia d'amore tra un pesce-gatto e un pesce-luna. Secondo gli autori può essere uno strumento pedagogico per le scuole, ma in troppi protestano. Oltre al ministro, un'associazione per «la protezione della famiglia»  ha considerato questo film «un'intrusione nell'intimità dei bambini». Mentre la presidente del partito cristiano-democratico, Christine Boutin, ha chiesto a Chatel «che sia vietata la diffusione di questo cortometraggio nelle scuole in nome del rispetto della neutralità dell'istruzione nazionale». Secondo la Boutin "Il bacio della luna" «non è un film di lotta alle discriminazioni ma un film ideologico».

Voci fuori dal coro sono quelle delle associazioni contro l'omofobia, Sos-Omofobia e Inter-Lgbt, che deplorano la decisione di Chatel: «"Il bacio della luna" potrebbe essere un valido strumento pedagogico per affrontare un discorso ampio sulla diversità delle relazioni amorose».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog